Cronaca

Vicenza, presi i rapinatori del distributore

I due rapinatori che ieri sera hanno preso di mira il distributore “Eni”, in viale Sant’Antonino, a Vicenza, sono stati identificati stamattina dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile. Uno di loro, un serbo di 30 anni, in Italia senza fissa dimora, irregolare, è stato arrestato con l’accusa di rapina aggravata continuata in concorso.

Il complice, un serbo di 40 anni, volto noto alle forze dell’ordine, è stato denunciato in stato di libertà. I due uomini, ieri, verso le 17.30, si sarebbero presentati al distributore di benzina minacciando la cassiera di consegnare il denaro per poi fuggire, a bordo di un’auto, con i 450 euro prelevati dalla cassa. Subito sono stati avvisati i militari dell’Arma e le indagini sono partite immediatamente consentendo di identificare gli autori del gesto.

I due serbi, alle 14.30, avrebbero commesso un’altra rapina, in via Crispi, ai danni del titolare del distributore “Eni”, preso di mira qualche ora più tardi, picchiandolo e derubandolo di 40 euro in contanti. Le ricerche partite subito dopo la chiamata, nel pomeriggio, hanno permesso di rintracciare i malviventi e si è scoperto che il 30enne, finito in manette, era in procinto di lasciare l’Italia ed è stato così denunciato in stato di libertà per permanenza illegale sul territorio italiano, poiché sprovvisto di documenti o permesso di soggiorno. Per lui si sono spalancate le porte del carcere di Vicenza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button