Vicenza e provincia cronaca

Vicenza, ragazzo con pistola a Parco Querini –

Momenti di paura, ieri pomeriggio, per quanti stavano trascorrendo una domenica di relax a Parco Querini. Famiglie, coppie, gente che portava a spasso il cane, andata al parco per stare all’aria aperta e rilassarsi, ma che ha vissuto attimi di terrore quando, verso le 18, ha visto un ragazzo con una pistola, tutto vestito di scuro e col cappuccio. La chiamata al 113 non tarda ad arrivare, considerando il fatto che il giovane stava sparando addosso agli alberi. I poliziotti, arrivati subito, riconoscono il ragazzo, un moldavo di 22 anni, già fermato qualche giorno fa per un controllo, e capiscono subito che l’arma è una pistola giocattolo, priva di tappo rosso. Le persone presenti sono state tranquillizzate dagli agenti che hanno spiegato che si trattava di una pistola finta. Il panico, comprensibile in un periodo in cui gli attacchi terroristici occupano le prime pagine della cronaca, è svanito e tutto si è risolto con una bella ramanzina al moldavo.

Vicenza, ragazzino incastrato dagli amici che lo invitano a rubare

È stato vittima, inconsapevolmente, di uno scherzo di cattivo gusto dei suoi amici che prima lo hanno indotto a rubare e poi sono fuggiti lasciandolo solo e facendo ricadere su di lui tutta la colpa. L’episodio è accaduto alle 9.50 di sabato, quando un gruppetto di 14enni entra nel negozio di abbigliamento “Star”, in piazzale Bologna, gestito da cinesi. Al momento di uscire uno di loro viene bloccato perché l’allarme antitaccheggio è entrato in azione e viene trovato con dei pantaloni elasticizzati, nascosti nel giubbotto, per un valore di 19 euro. Sul posto sono arrivati gli agenti delle volanti che hanno avvisato i genitori del ragazzino e lo hanno portato in Questura. Il 14enne, disperato, ha raccontato che i suoi amici lo hanno convinto a nascondere quei pantaloni nella giacca per rubarli senza essere beccati. Il gruppo poi però è scappato lasciando l’amico da solo ad affrontare le conseguenze. Quando i suoi genitori sono arrivati negli uffici di viale Mazzini gli hanno fatto una bella lavata di capo e si sono offerti di pagare il danno subito dal negozio. I titolari non hanno sporto denuncia e non hanno voluto risarcimenti in quanto la merce non era stata danneggiata.

Vicenza, ladri in azione in una palazzina di uffici

I ladri, la notte tra venerdì e sabato. Hanno preso di mira una palazzina in via Trissino, in cui sono ubicati vari uffici. I malviventi hanno rotto due vetrate di altrettante porte al primo piano e prima sono entrati nello studio di un geometra, poi in quello di un architetto, senza rubare nulla. Dopo è stato il secondo piano ad essere visitato. In uno studio di assicurazioni non è stato portato via niente, mentre dallo studio odontoiatrico i ladri hanno rubato delle ceramiche e del metallo platino. I poliziotti, intervenuti sul posto per il sopralluogo, hanno trovato al piano terra dei computer e delle attrezzature abbandonate dai ladri, forse perché troppo pesanti e ingombranti da portare via.

Vicenza, gli occupanti dell’ex Sartori creano problemi in un locale

I rumeni che vivono all’ex Sartori Motors si sono resi, ancora una volta, protagonisti di spiacevoli episodi. Ieri sera, attorno alle 22.40, la Polizia di Stato è dovuta intervenire al Mc Donald’s perché gli stranieri stavano infastidendo i clienti. Gli agenti si sono trovati davanti ai soliti volti noti, stavolta erano in cinque: tre donne e due uomini, tra cui una minorenne. Uno di loro è stato denunciato per ubriachezza molesta, gli altri per inosservanza del foglio di via.

Lonigo, rubati duemila euro al bar

Ladri scatenati nella notte tra venerdì e sabato hanno preso di mira il bar “Galleria Caffè”, in via Macello, a Lonigo. I malviventi, per penetrare nel locale, hanno forzato una finestra e abbattuto un muro di cartongesso, rubando un cambiamonete e due videogiochi. Il danno ammonta a duemila euro, pari ai soldi contenuti nei due apparecchi asportati, ed è coperto da assicurazione. Ad accorgersi di quanto successo è stato il gestore del bar, un veronese di 29 anni, residente a Lonigo che ha allertato i carabinieri.

Schio, sventato furto di lingotti e di un furgone

I carabinieri di Schio hanno sventato un furto di un furgone e del suo carico prezioso. I militari, durante un servizio di controllo nella zona industriale di Schio, hanno intercettato un furgone Iveco Daily con due persone a bordo che, alla vista della pattuglia, hanno iniziato a fuggire a tutta velocità verso Marano Vicentino. Subito è iniziato un inseguimento che è finito dopo pochi chilometri. I malviventi sentendosi braccati sono fuggiti a piedi nella campagna circostante abbandonando il mezzo, risultato rubato a Thiene, alla ditta “Tessari Domenico snc & C.”, di via Rosa. I carabinieri hanno trovato dentro il furgone 108 lingotti di ottone e ferro e alcuni attrezzi, proventi di furto. Le merce è stata restituita ai legittimi proprietari. Sono in corso indagini per identificare i responsabili.

Vicenza, patente ritirata ad un 20enne

Guidava con un tasso alcolico pari a 1,88 g/l il moldavo di 20 anni, fermato dai carabinieri a Vicenza, in via Quadri, alle 3.30 della notte scorsa. I militari sono intervenuti sul posto a seguito di un incidente stradale, in cui sono state ferite alcune persone, e hanno sottoposto il giovane all’alcool test che ha dato esito positivo. Al 20enne è stata ritirata la patente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *