Breaking News

Vicenza, Bocciodromo fa un blitz alle fermate dei bus

Fermate degli autobus Aim prese di mira e imbrattate, a Vicenza, nel corso della notte, da parte dei giovani del Bocciodromo, che le hanno “chiuse” facendovi anche comparire scritte di protesta molto dure. Il blitz, messo a segno da alcuni ragazzi, è scattato nella notte e ha riguardato le fermate di piazzale Matteotti, via Roma e del piazzale della stazione. Le motivazioni del gesto stanno nel fatto che il trasporto pubblico di Vicenza non sarebbe sostenibile e accessibile a tutti.

IMG_20150312_034754Quello che si chiede è di far entrare in funzione il “ticket sharing”, un progetto che prevede la condivisione dei biglietti dell’autobus Aim ancora validi che permettono il viaggio sulle linee a chi non se lo può permettere. Nelle fermate in questione sono stati installati dei box per dare il via a questo progetto. Il ticket sharing è rivolto soprattutto agli studenti che si vedono aumentare a dismisura il costo di abbonamenti e titoli di viaggio.

IMG_20150312_034542“Pensiamo – si legge in una nota del coordinamento studentesco di Vicenza – che il percorso di uno studente non venga affatto agevolato, e lo stesso si può dire di proposte dannose per l’istruzione, come la Buona Scuola di Renzi. Infatti, è stata scelta la giornata di oggi perché in tutta Italia si scende in piazza contro il modello di scuola che privatizza, taglia e crea squilibri all’interno di un sistema che dovrebbe essere pubblico ed egualitario. Un meccanismo che preferisce finanziare grandi opere pubbliche al posto di favorire l’istruzione e il welfare. Come avviene con il progetto Tav/Tac, che vogliono imporci a Vicenza, che arricchirà i soliti noti e procurerà solo enormi danni al patrimonio artistico, culturale e ambientale della città”. I danni provocati alle fermate non sono ancora stati quantificati.

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *