Breaking News

Vicenza, ancora furti. Uomo minacciato con un coltello

Furti, furti e ancora furti, a Vicenza, sebbene alcuni solo tentati. In un caso un cittadino si è trovato faccia a faccia con il ladro, che lo ha minacciato con un coltello. Un fenomeno dunque, quello della micro criminalità, che sembra incessante ed in continuo aumento. Le case e i negozi della città sono giornalmente presi di mira dai malviventi che si concentrano, in modo particolare, in alcuni quartieri.

Un tentato furto è andato in scena alla discoteca “Victory”, in via Biron. Qui il colpo non è andato a buon fine perché sul posto è arrivata una signora che ha interrotto i ladri durante il loro lavoro. Alle 9.15 di ieri, la donna, ha chiamato il 113 perché aveva visto due individui saltare la recinzione del locale e scappare. Sul posto è arrivato anche il responsabile delle immagini delle telecamere di videosorveglianza. I filmati hanno mostrato che, alle 9.09, un ragazzo con una cesoia aveva tentato di forzare la cella frigorifera posta all’esterno. Il ladro però non è riuscito nel suo intento perché disturbato dall’arrivo della signora ed è scappato col suo complice, abbandonando la bicicletta.

Alle 12, al supermercato “Eurospar”, in viale Roma una donna, dopo aver fatto la spesa è andata a prendere l’auto al parcheggio sotterraneo ma non riusciva a trovare il tagliando per uscire. Per cercarlo ha lasciato le borse della spesa vicino la macchina e, una volta tornata col biglietto, si è accorta che qualcuno le aveva rubato le buste.

Al supermercato “Tuodì”, in via del Carso, una commessa ha impedito un furto dopo aver notato due nomadi aggirarsi tra gli scaffali con fare sospetto e le ha tenute d’occhio. La donne, arrivate alla cassa hanno scoperto di essere osservate così hanno tirato fuori dal giubbotto la merce rubata e sono scappate.

In questo caso invece i ladri non sono riusciti nel loro intento perché sorpresi dalla padrona di casa. Alle 19.10 di ieri, una donna, residente in un’abitazione al secondo piano di via Paganini, ha sentito dei rumori provenire dalla camera. Quando è arrivata nella stanza ha sentito che i malviventi stavano armeggiando con la tapparella della portafinestra ed ha iniziato ad urlare facendoli allontanare.

A scoprire che a casa della madre, a San Lazzaro, c’erano stati i ladri è stato il figlio quando è rincasato prima di lei, ieri, alle 19.20. L’uomo ha visto tutta la casa messa a soqquadro ma il valore degli oggetti portati via è ancora da quantificare. Ignoti erano entrati da una portafinestra posta in via Rossini.

Ha sventato il furto in casa sua, rischiando però di prendersi una coltellata, un 46enne residente nel quartiere di Santa Bertilla. L’uomo è tornato a casa ieri sera, alle 21.05, e ha visto che c’era qualcuno sul balcone della terrazza. Non facendosi prendere dal panico è salito, ha aperto la portafinestra e si è trovato faccia a faccia col ladro dando vita a un battibecco. “Cosa ci fai qui?” avrebbe detto il proprietario, “Sono uno zingaro e devo rubare” avrebbe risposto l’altro scappando subito dopo. Il 46enne ha iniziato ad inseguirlo ma il ladro gli ha mostrato un coltello facendolo così desistere dal proposito di corrergli dietro. L’uomo ha chiamato il 113 ed ha fornito indicazioni utili per identificare il colpevole, un cittadino dell’Est Europa che avrebbe commesso il reato di rapina. Sono in corso indagini da parte della Polizia di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *