Sport

Corsa, a rischio la Mezza Maratona dei 6 Comuni

Gli assessori allo sport dei comuni di Thiene, Malo, Villaverla e Marano Vicentino sono sul piede di guerra. Il casus belli? La Mezza Maratona dei 6 Comuni. La corsa, che attraversa i comuni citati coinvolgendo solo per quanto riguarda i partecipanti un bacino di 800 sportivi, rischia infatti di rimanere ferma ai blocchi di partenza. A causare questa incertezza il cambio, all’improvviso e senza avere il via libera degli enti locali, del giorno della Mezza Maratona da parte degli organizzatori .

Il Team Italia road runners, organizzatore della manifestazione, avrebbe spostato il giorno della Mezza Maratona al 4 ottobre per permettere lo svolgimento della Verona Marathon il 15 novembre, quando invece era stata fissata la corsa vicentina. Gli assessori contestano quindi il cambio di data, poichè il 4 ottobre le strade di alcuni dei comuni interessati sono già occupate. Si svolgono infatti la rievocazione storica a Thiene e la mostra dell’artigianato a Marano Vicentino. Altro punto dolente, il metodo usato dalle federazioni sportive, Fidal e Iaaf, che organizzano le corse. Gli assessori parlano infatti di “decisioni calate dall’alto”, di “mancata informazione e coinvolgimento degli enti locali” e di “scelte dettate da interessi economici e non legati allo sport”. Motivo per cui annunciano di essere al lavoro per trovare “soluzioni alternative”.

Giampi Michelusi
Giampi Michelusi

“A novembre e dicembre c’erano stati degli incontri con il Team Italia road runners – ricorda l’assessore di Thiene, Gianantonio Michelusi – in cui era stato fissato il 15 novembre. A gennaio apprendiamo indirettamente che in quella data si sarebbe tenuta la Verona Marathon. Solo qualche giorno fa è arrivata la comunicazione ufficiale del cambio di data, per dare la precedenza a Verona visto che si tratta di un evento internazionale. Alla Verona Marathon però partecipano solo un centinaio di utenti in più rispetto alla corsa vicentina”.

“Quello che contestiamo – spiega l’assessore di Marano Vicentino, Marco Guzzonato – è il metodo con il quale è stata presa questa decisione: non hanno coinvolto gli enti locali e sono state delle scelte calate dall’alto. Vogliamo essere parte attiva nelle decisioni delle federazioni sportive che riguardano i nostri comuni”.

“C’è molto rammarico: sarebbe stata l’ottava edizione della Mezza Maratona – dice Matteo Strullato, assessore di Malo – invece rischiamo di buttar via anni di lavoro nei quali siamo riusciti a coinvolgere tanta gente e anche a promuovere i nostri territori attraverso lo sport. Perché per noi il protagonista è lo sport, non il business”.

Matteo Strullato
Matteo Strullato

L’impressione denunciata dagli assessori, infatti, è che la maratona nella città di Giulietta e Romeo corra su una corsia preferenziale. Le federazioni sportive avrebbero, secondo gli amministratori locali, avuto più riguardi per il circuito economico e per la visibilità legati alla gara di Verona, tanto da far sentire la corsa vicentina come “una ruota di scorta”.

“Anche noi però paghiamo le tasse federali – sottolinea quindi l’assessore di Villaverla, Andrea Costalunga – per partecipare ad ogni gara si deve pagare l’iscrizione di circa 2 mila euro e poi l’assicurazione per i corridori. Non è questo il modo di trattare gli enti locali che investono soldi pubblici. Noi non siamo il bancomat di nessuno”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button