Breaking News

Il Real Vicenza incassa tre gol dalla Giana Erminio

Il Real Vicenza esce dal Menti con una sconfitta pesante. Gli uomini di Marcolini, dopo i tre gol subiti dal Giana Erminio, sembrano aver perso definitivamente il treno per i play off. Nel 3-5-2 biancorosso Solini rileva Polverini in difesa: out gli infortunati Cristini e Quintavalla. Nella Giana Erminio, oltre al tecnico Albè, influenzato e sostituito in panchina dal vice Bertarelli, mancano due pilastri come Polenghi in difesa e Recino in attacco, ma il tandem offensivo fa comunque paura: l’ex torinista Gasbarroni e l’altrettanto esperto centravanti Sinigaglia sono un’accoppiata di lusso per la categoria, in grado di spingere i compagni verso l’obiettivo della salvezza.

I due impiegano solo venti minuti a dimostrarlo: Gasbarroni conquista un angolo con una punizione deviata dalla barriera e, sulla traiettoria della bandierina, una sponda aerea di Montesano serve sul secondo palo Sinigaglia, liberissimo di insaccare tra le gambe di Tomei. Il vantaggio era nell’aria già da qualche minuto: da quando cioè i biancazzurri avevano cominciato a distendersi con disinvoltura, dopo un quarto d’ora iniziale privo di azioni lineari e palle-gol. La Giana prende in mano con sicurezza le redini del gioco e inaridisce le fonti di gioco avversarie, neutralizzando Bruno e Bardelloni. La difesa di Marcolini è altrettanto in difficoltà: al 32’ la salva Tomei su un tiro di Rossini, minaccioso anche un paio di minuti più tardi.

Messo sotto nella manovra come mai forse si sarebbe aspettato, il Real comincia a svegliarsi: imbeccato alla perfezione da Lavagnoli, al 38’ Bruno sguscia alle spalle di Montesano e scarica un terrificante destro che si infrange sulla faccia interna della traversa e rimbalza un paio di volte sulla linea senza oltrepassarla del tutto. Trema la sbarra, ma anche la retroguardia di casa non è da meno e al 40’ la combina grossa: Carlini intercetta un filtrante di Sinigaglia diretto a Pinto, Solini si addormenta, Rossini ringrazia e fredda Tomei. Il Real reagisce al raddoppio ospite come un leone ferito e Bruno si scatena alla caccia del sedicesimo centro in campionato: in tre minuti chiama Paleari a un miracoloso tuffo, colpisce il palo alla sua destra da fuori e, alla terza occasione, finalmente lo supera, grazie all’assist di Bardelloni da infilare comodamente a porta vuota.

Nella ripresa la squadra di casa sembra aver ingranato la giusta marcia per acciuffare il pareggio (che resta un’illusione): al 52′ Margiotta ci prova dalla distanza ma il pallone si alza sopra la traversa. Gli ospiti appaiono però più lucidi e determinati: al 55′ Sinigaglia parte in contropiede e lascia partire una sventola col sinistro che termina alta davvero di un soffio, con Tomei che non può far altro che tirare un sospiro di sollievo. Al 62′ Spiranelli si fa 40 metri palla al piede ma al momento della conclusione il tiro è impreciso e non inquadra lo specchio della porta spegnendosi sul fondo. La timida reazione dei veneti arriva con Gomes, al 62′, che con la punta del piede, per poco, non trova la deviazione che avrebbe regalato il pareggio. Al 64′ si spengono tutte le speranze del Real perché la Giana cala il tris: Spiranelli, entrato da meno di 5 minuti, serve Sinigaglia che davanti a sé ha una prateria e si presenta davanti Tomei freddo e lucido bucando la rete per la terza volta.

Marcolini prova a giocarsi il tutto per tutto inserendo Ungaro al posto di Solini schierando così ben quattro giocatori in attacco. Bardelloni, uno dei pochi ad essere entrato in partita, al 76′ serve Bruno che prova la zuccata vincente, ma la sfera dà solo la sensazione di essere entrata. I biancorossi appaiono spenti nei minuti finali consentendo agli avversari di rendersi pericolosi fino all’ultimo: al 93′ Spiranelli innesca un contropiede seminando il panico nella difesa dei padroni di casa ma la palla viene intercettata prima del tiro. Cala il sipario al Menti con la vittoria della Giana Erminio ampiamente meritata.

REAL VICENZA-GIANA ERMINIO 1-3

REAL VICENZA (3-5-2): Tomei; Carlini, Solini (22′ st Ungaro), Piccinni; Lavagnoli, Malagò, Dalla Bona, Margiotta (15′ st Gomes), Vannucci; Bruno, Bardelloni. A disp.: Bonato, Beccaro, Chiarello, Pavan, Caporali. All. Marcolini.

GIANA ERMINIO (4-4-2): Paleari; Perico, Bonalumi, Montesano, Solerio; Rossini, Biraghi, Marotta, Pinto (46′ st Augello); Gasbarroni (15′ st Spiranelli), Sinigaglia (41′ st Di Lauri). A disp.: Ghislanzoni, Sosio, Crotti, Perna. All. Bertarelli (Albè influenzato).

ARBITRO: Boggi di Salerno

MARCATORI: pt 20’ Sinigaglia (G.E.), 40’ Rossini (G.E.), 44’ Bruno (R.V.), st 19′ Spiranelli (G.E)

NOTE: serata mite, terreno in buone condizioni. Spettatori Ammoniti: Piccinni, e Bruno (R.V.) e Biraghi (G.E.) per gioco scorretto, Vannucci (R.V.) per proteste . Angoli: 6-2 per la Giana Erminio. Recuperi: pt 0’, st 3’.

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *