lunedì , 19 Aprile 2021
truffe

Fatturazione elettronica, le critiche di Apindustria

“Se entrasse in vigore il primo aprile qualcuno penserebbe ad uno scherzo, per come è stato elaborato. Invece il sistema di fatturazione elettronica verso la pubblica amministrazione è realtà a partire già da domani, 31 marzo, e rappresenta un nuovo onere a carico delle imprese. Anche nei provvedimenti che mirano alla semplificazione e all’efficientamento, infatti, lo Stato non perde occasione di evitare storture e appesantire gli adempimenti a carico di un sistema produttivo che, al contrario, andrebbe tutelato e agevolato”.

Inizia così una riflessione di Apindustria Vicenza sulla novità di questi giorni dell’obbligo della fatturazione elettronica verso tutte le pubbliche amministrazioni. Fino ad ora infatti, e da relativamente poco tempo, l’obbligo esisteva solo per chi fatturava a specifiche componenti statali, per lo più centrali come in ministeri. Insomma, le piccole imprese erano poco coinvolte. Adesso invece che si deve fatturare in modo elettronico a qualsiasi ente pubblico, compresi i Comuni, per essere chiari, il coinvolgimento delle aziende è quasi totale. La televisione nazionale ci sta martellando in questi giorni con alti peana che si levano a celebrazione dell’evento, sottolineando come renderà tutto più semplice e contrasterà il fenomeno della corruzione. Stendendo un velo su questo ultimo aspetto, limitiamoci a dire che anche per quanto riguarda la facilitazione le cose non stanno proprio così, basti pensare a quanti piccoli imprenditori, artigiani, del mondo agricolo etc, si troveranno in difficoltà dovendo investire in nuovi software, imparare ad usarli o assumere personale che lo faccia.

Flavio Lorenzin
Flavio Lorenzin

“Il grande difetto della nuova norma  – commenta infatti Apindustria -, che permette a tutte le pubbliche amministrazioni di ricevere solo fatture elettroniche e registrarle con un semplice upload senza doverle digitare, è l’obbligo per i fornitori di adottare invece un processo di conservazione sostitutiva a norma dei documenti”.

“Si tratta di un procedimento inutile – sottolinea Flavio Lorenzin, presidente di Apindustria Confimi Vicenza – che costringe le imprese a investire nuove risorse, non solo in termini di hardware e software, ma anche umane e organizzative, per conservare elettronicamente le stesse fatture che già la pubblica amministrazione è tenuta ad archiviare. Un doppio adempimento non necessario ai fini del perseguimento degli obiettivi pubblici, ma che ribalta nuovi oneri impropri sulle nostre attività, e non trova alcuna giustificazione razionale”.

Secondo Apindustria dunque per le imprese non è altro che una nuova beffa, con l’eccezione di quelle che producono software e servizi di conservazione sostitutiva in outsourcing. “Un business crescente, quest’ultimo – aggiungono i rappresentanti della piccola e media impresa vicentina -, che sta per beneficiare di un grosso aiuto. Come se non bastasse, lo strumento messo a disposizione gratuitamente delle Pmi da Agenzia per l’Italia digitale e Unioncamere, consente una gestione annua di soli 24 documenti, e non fa alcun calcolo: praticamente un servizio promozionale, anziché un vero aiuto”.

“Di fatto – conclude Lorenzin – saremo costretti ad investire nuove risorse in sistemi informatici prendendoci carico di adempimenti che non dovrebbero spettarci. Come accaduto negli anni passati con la telematizzazione del fisco o delle pratiche rivolte a Camera di commercio, Inps, Inail e Suap. Le imprese impegnano sempre più risorse interne per occuparsi di contabilità pubblica anziché prendersi cura del proprio business”.

Un commento

  1. condivido in parte il pensiero di Lorenzin; è vero che così come è strutturata la FE è una beffa colossale a solo uso e consumo delle software house e del fisco e decisamente penalizzante per aziende e per i commercialisti/ced (a breve la contabilità delle aziende la elaboreranno infocert, aruba e simili).
    D’altra parte si dovrebbe evitare proclami catastrofici e rimboccarsi le maniche, la FE va presa come processo di innovazione. Le piccole medie Aziende attuali sono attualmente molto arretrate dal punto di vista delle procedure di BPM e quindi di fatturazione, e l’obbligo della FE (che sicuramente nel 2016 si estenderà al B2B privato) deve essere subito preso com spunto di riflessione per modificare le proprie strategie aziendali ed essere pronti a smarcarsi dagli attuali fornitori di software proprietario.
    Un consorzio di aziende che sviluppi un software FLOSS potrebbe essere la soluzione… io ci sto lavorando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità