Breaking News

Arrestato Ercole Incalza, superburocrate della Tav

Davvero ormai è difficile sostenere che le vie traverse in Italia non sono il sistema. Tutte le grandi opere pubbliche negli ultimi decenni hanno infatti avuto un denominatore comune: le inchieste della magistratura. E’ di oggi infatti la notizia dell’arresto di Ercole Incalza, per una vita superburocrate dei trasporti e lavori pubblici e da un po’ di tempo in pensione ma con prestigiosi incarichi di consulenza.

L’inchiesta, nell’ambito della quale Incalza è stato arrestato questa mattina, riguarda alcune tra le maggiori opere pubbliche attualmente in atto nel paese, le Grandi opere, così dette, ed è partita dalla procura di Firenze per episodi di corruzione che si sarebbero verificati in relazione ai lavori per la tratta dell’Alta velocità del capoluogo toscano. Rimbalza anche a Vicenza però perché il funzionario è stato coinvolto, per il suo ruolo al Ministero, nell’iter del progetto per il tratto vicentino della Tav.

Ad oggi la tratta riguardante il passaggio dell’alta velocità ferroviaria dalla nostra città non figura coinvolta, mentre lo sono altri spezzoni della rete dei treni veloci italiani, i lavori di costruzione dell’autostrada Orte-Mestre e, manco a dirlo, alcuni lavori nell’ambito dell’Expo di Milano.

Sull’arresto di Incalza è intervenuto oggi anche il sindaco di Vicenza, Achille Variati, che si è detto molto colpito dall’arresto de funzionario. “L’ho conosciuto – ha commentato il sindaco – nelle fasi tecniche di preparazione degli accordi di programma su tangenziale e alta velocità, nel suo ruolo di capo della struttura tecnica di missione del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, prima del recente pensionamento. E’ doveroso che la magistratura faccia tutta la chiarezza necessaria. Grandi progetti come quello dell’Alta velocità e Alta capacità hanno bisogno di estrema trasparenza”.

“Non a caso, per quanto ci riguarda – ha tenuto a mettere in evidenza Variati -, abbiamo informato l’Autorità nazionale anticorruzione dell’avvio della procedura inerente al nostro territorio, in modo che fin dalle fasi iniziali relative alla tratta che ci riguarda si proceda con attenzione e limpidezza massime”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *