sabato , 19 Giugno 2021

Vicenza, tre scuole in cerca di finanziamenti statali

È una corsa contro il tempo quella dell’assessorato alla cura urbana di Vicenza, che sta definendo in questi giorni i progetti di riqualificazione scolastica delle tre scuole candidate ad ottenere il finanziamento statale attraverso il bando regionale che scadrà il prossimo 27 febbraio e pubblicato solo il 13 febbraio scorso. Il bando dà la possibilità di ricevere contributi per interventi straordinari di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento sismico ed efficientamento energetico. Il Comune ha deciso di presentare i progetti per le scuole Prati, Zanella e Santa Maria Nova.

“Da un paio di settimane – ha precisato l’assessore Cristina Balbi – stiamo lavorando per avere l’opportunità di beneficiare di questi contributi che ci vengono offerti attraverso un bando che resterà aperto per un tempo molto breve. Dobbiamo ringraziare Ance che prima della pubblicazione ci ha preavvisato in modo che potessimo lavorare anticipando i tempi. Oggi siamo riusciti a compiere un primo passo approvando in giunta il progetto definitivo del secondo stralcio dei lavori di riqualificazione energetica della scuola Prati che consistono nella sostituzione degli infissi nel cortile interno e nella realizzazione del cappotto termico per un importo di 385 mila euro.

La scuola Prati è già stata interessata dalla sostituzione dei serramenti nei corridoi, nelle aule al piano terra e al primo piano (lavori conclusi a fine 2014), oltre che dei servizi igienici al primo piano (in corso), grazie allo sforamento del patto di stabilità consentito dal presidente del consiglio Matteo Renzi che aveva chiesto ai Comuni italiani di segnalare ciascuno una scuola simbolo su cui intervenire. Abbiamo ritenuto di continuare l’intervento cogliendo questa opportunità per rispondere anche a esigenze di riqualificazione energetica oltre che di decoro e sicurezza di un edificio datato, come la gran parte delle strutture scolastiche cittadine, e in questo caso anche dalle grandi dimensioni che serve un’ampia popolazione scolastica.”

“Per la scuola Zanella, il cui progetto definitivo è in fase di definizione e verrà approvato dalla giunta giovedì 26 febbraio – ha proseguito Balbi -, abbiamo proposto la trasformazione della vecchia torre scaligera in uno spazio ad uso didattico e museale, struttura attualmente in stato di degrado. Il progetto è stato elaborato da genitori, professionisti, di alcuni bambini che frequentano la scuola. La proposta progettuale prevede anche la sistemazione del cortile esterno per permetterne l’utilizzo in totale sicurezza. Il progetto è sostenuto dal comitato genitori della scuola, con il quale è iniziato un prezioso percorso di condivisione. In questo caso chiederemo contributi per 230 mila euro. Infine invieremo anche il progetto per gli spogliatoi di Santa Maria Nova, in questo caso già redatto, per un importo di euro 355 mila euro, che vanno a completare l’intervento complessivo comprendente anche la palestra già finanziata. Ci auguriamo che i nostri sforzi per predisporre progetti definitivi, che ci faranno ottenere un punteggio più alto ai fini del bando, vengano premiati e che le scuole segnalate possano così ottenere un contributo per procedere poi con i lavori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità