Senza categoria

Vicenza e provincia cronaca

Nanto, busta con proiettili per Zancan e Stacchio –

Una minaccia fatta nel modo più classico: due proiettili dentro una busta lasciati sulla soglia della porta. È quanto si è visto recapitare Roberto Zancan, il gioielliere di Ponte di Nanto che lo scorso 3 febbraio aveva subito un tentativo di rapina durante il quale aveva perso la vista uno dei rapinatori, Albano Cassol, colpito a morte da un proiettile sparato dal benzinaio Graziano Stacchio. Ma torniamo a ieri sera quando Zancan si è visto recapitare la missiva minacciosa. Mentre la moglie era ospite in studio della trasmissione “Quinta colonna” di Rete 4, Zancan era a casa con dei giornalisti del programma e ad un certo punto ha sentito suonare il campanello. È andato ad aprire e a terra ha trovato una busta col suo nome e con quello di Stacchio, l’ha aperta e ha visto i due proiettili. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del reparto operativo di Vicenza.

Incidente sul lavoro a Villaverla. Un ferito

vigili del fuocoUn incidente sul lavoro, con vittima un uomo di 61 anni, è accaduto stamattina a Villaverla. Poco dopo le 8 l’operaio stava scaricando da un camioncino una piattaforma aerea cingolata per la potatura degli alberi e, per cause ancora da accertare, la macchina operatrice si è rovesciata di lato finendo addosso all’uomo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con due automezzi ed hanno usato dei pistoni pneumatici per sfilare l’infortunato che è stato trasportato dal personale del 118 all’ospedale. Secondo le prime indiscrezioni l’operaio avrebbe subito la frattura di un braccio e non sarebbe in pericolo di vita. Sul luogo dell’incidente anche i carabinieri e il personale dello Spisal.

Vicenza, anziana derubata di una collana d’oro

Truffe e furti ai danni degli anziani non si placano e le modalità sono sempre le stesse: richiesta di informazioni e abbraccio finale per ringraziare, ma lo scopo è quello di rubare qualche oggetto di valore. Vittima della stavolta è stata una pensionata di 66 anni, residente a Torri di Quartesolo che ieri, verso le 13, stava camminando in via 24 maggio quando si è avvicinata a lei una giovane donna dell’est europeo. La straniera ha chiesto alla 66enne delle informazioni per raggiungere l’ospedale San Bortolo e, dopo averle ottenute, ha abbracciato la signora riuscendo a sostituire la collana d’oro che portava al collo con una di bigiotteria. Subito dopo la donna si è allontanata a bordo di una Mercedes guidata da un complice fuggendo in direzione del casello autostradale di Vicenza Est.

Vicenza, furto di 25 mila euro al bar

Sono fuggiti con un bel bottino ingente, che ammonta a 25 mila euro, i ladri che nella notte sono penetrati all’interno del bar “Al Pellegrino” in via X giugno, a Vicenza. Ignoti, dopo aver forzato la porta di ingresso del locale e disattivato l’allarme, sono entrati e, con tutta calma, hanno rubato il denaro dell’incasso di due giorni, pari a 15 mila euro in contanti, e varie stecche di sigarette per un valore di 10 mila euro. Il danno è coperto da assicurazione e delle indagini di stanno occupando i carabinieri del Norm di Vicenza.

Valdagno, minorenni denunciati per una serie di furti

C’erano stati alcuni furti, tra l’11 e il 22 febbraio, ai danni della “Pizzeria Belfiore”, di via Zara, a Valdagno, per i quali ieri i carabinieri hanno denunciato quattro minorenni. Gli autori dei furti, tre stranieri e un italiano, durante i colpi hanno rubato il denaro contenuto in cassa e generi alimentari, per un valore di circa mille euro. La merce è stata recuperata e restituita.

Dueville, scontro tra mezzi pesanti e traffico in tilt

Un incidente stradale, senza gravi conseguenze, è accaduto alle 10 di stamattina all’incrocio tra la strada provinciale Marosticana e via De Gasperi a Passo di Riva. A causa del guasto del semaforo, rotto da un paio di giorni, e funzionante con giallo lampeggiante crea disagi alla circolazione. Lo scontro è avvenuto tra un furgone con a bordo due operai che stava percorrendo la provinciale e un autoarticolato della Repubblica Ceca proveniente da Sandrigo. L’impatto, non violento, tra la motrice del mezzo pesante e il fianco sinistro del furgone ha provocato lesioni al capo agli occupanti di quest’ultimo. I due operai sono stati portati al pronto soccorso. A causa dell’incidente il traffico ha subito rallentamenti e si è formata una colonna di due chilometri che ha reso necessario l’intervento di una pattuglia del distaccamento di Sandrigo del Consorzio Nordest Vicentino che ha provveduto a far rimuovere i due mezzi dalla carreggiata per ristabilire la regolarità della circolazione. Ora resta da stabilire di chi è la responsabilità dell’incidente, sicuramente la mancata precedenza del furgone anche se non bisogna sottovalutare la visuale limitata dell’autista del tir che aveva il parabrezza ricoperto da numerosi oggetti.

Vicenza, aveva in auto oggetti da scasso ed è stato denunciato

È stato trovato in possesso di oggetti e strumenti atti allo scasso ed è stato denunciato dai carabinieri di Vicenza che, in collaborazione col personale del quarto Battaglione veneto, stavano effettuando un servizio di controllo sul territorio. Alle 14 di ieri, in via Benedetto Croce, i militari hanno denunciato, per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli, un 43enne di Noto con precedenti. E’ stata la perquisizione nell’auto dell’uomo, un’Alfa Romeo 147, a permettere ai carabinieri di trovare gli oggetti, che sono stati sequestrati.

Arzignano, arrestato spacciatore

Sajib Abdin
Sajib Abdin

Ha scoperto che la figlia minorenne assumeva eroina e ha subito denunciato il fatto ai carabinieri che sono riusciti a risalire allo spacciatore e ad arrestarlo. Nel fine settimana i militari della Stazione di Arzignano hanno ricevuto la segnalazione del genitore che ha riferito che la figlia assumeva la droga spacciata nella zona di Piazza Pellizzari di Arzignano. Le indagini hanno permesso di risalire al Sajib Abdin, 27enne bengalese, clandestino che è stato arrestato. I carabinieri hanno sequestrato quattro dosi di eroina, circa 2 grammi in totale, appena vendute da Abdin ad un tossicodipendente di Cornedo Vicentino e anche 100 euro derivanti dall’attività di spaccio. Il bengalese essendo incensurato è stato rimesso in libertà dal giudice che ha disposto per lui l’obbligo di presentarsi in caserma giornalmente.

Vicentino denunciato per truffa

Un vicentino di 41 anni è stato denunciato per truffa dai carabinieri della Stazione di Camucia (Arezzo). L’uomo aveva messo in vendita su un sito online un telefono cellulare e, una volta trovato un acquirente si è fatto versare sulla propria carta poste pay 162 euro da una 32enne della Valdichiana. La donna non si è vista recapitare l’oggetto acquistato e capito di essere stata truffata ha denunciato il fatto ai militari che hanno avviato le indagini fino a risalire al vicentino.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button