Vicenza, ladro scoperto dentro uno scatolone

Per non farsi trovare dai poliziotti si è nascosto dentro uno scatolone nel negozio cinese “Trading Lu” in via Battaglione Monte Berico, a Vicenza, dove si era intrufolato per mettere a segno un furto. Un egiziano di 27 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato alle prime luci dell’alba. Il suo curriculum di precedenti è di tutto rispetto, si fa per dire, visto che la sua “carriera” inizia nel 2006 e dal carcere è uscito solo il 28 dicembre scorso. A chiamare il 113 è stato un cittadino che verso le 4.15 ha sentito dei rumori provenire dal negozio e, affacciatosi alla finestra, ha visto un individuo che stava forzando la serranda del locale per entrare.

Mohamed Ragab
Mohamed Ragab

La volante, che si trovava nelle vicinanze, per la precisione in via Verdi, è immediatamente accorsa sul posto, ma i poliziotti, non riuscendo ad aprire la saracinesca né a rintracciare il titolare del negozio, hanno dovuto chiamare i vigili del fuoco. I pompieri hanno impiegato circa un’ora prima di aprire la serranda ed entrare. Una volta dentro gli agenti delle volanti hanno proceduto a un sopralluogo senza trovare però alcuna traccia del ladro: è stato a quel punto che un poliziotto ha alzato la testa, ha visto che uno scaffale uno scatolone era spostato, lo ha controllato ed ha trovato una… sorpresa.

Dentro la scatola c’era l’egiziano Mohamed Ahmed Ahmed Hassan Ragab, 27enne con una sfilza di precedenti, tanto da finire in carcere il 5 marzo del 2012 per uscirne, come detto, solo pochi mesi fa. Una perquisizione ha permesso di rinvenire 300 euro in banconote nelle scarpe, oltre a monete e rotolini con monete per un valore complessivo di 1.100 euro.

Nel negozio è stato trovato anche uno zainetto con un cric e un cacciavite. Non è escluso che lo straniero sia l’autore di un altro furto avvenuto poche ore prima del suo arresto ai danni di un locale poco lontano dal centro di Vicenza. Saranno le immagini delle telecamere di videosorveglianza ad accertare se sia sempre lui il responsabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *