Vicenzavicenzareport

Trovata altra argenteria rubata alla Al.Ba.

Casolari abbandonati e zone di campagna isolate sono i posti preferiti dai ladri per nascondere il bottino. Ed è stato così anche per i malviventi che hanno commesso il furto ai danni della ditta Al.Ba. Srl. Se pochi giorni fa i carabinieri avevano trovato parte della refurtiva in un terreno agricolo a Montegaldella (40 chili di bigiotteria e argenteria per un valore di 35 mila euro), ieri hanno rinvenuto altra merce in un casolare abbandonato a Grumolo delle Abadesse e in un terreno agricolo a Grisignano di Zocco.

Argento e bigiotteria ritrovati
Argento e bigiotteria ritrovati

A scoprire un secchio di vernice con 25 chilogrammi di bigiotteria e argenteria e due casseforti sono stati i carabinieri della Stazione di Camisano Vicentino in collaborazione con la Polizia Locale di Torri di Quartesolo. La refurtiva, del valore di 17 mila euro, è stata restituita alla ditta Al.Ba. Srl, mentre le indagini per individuare gli autori del furto sono ancora in corso.

Il colpo all’azienda di via Quasimodo, a Vicenza, è stato fatto nella notte tra il 15 e il 16 febbraio. E, nel medesimo contesto, nei giorni scorsi i militari dell’Arma hanno denunciato per ricettazione tre nomadi di 50, 30 e 56 anni, tutti volti noti alle forze dell’ordine e domiciliati in provincia di Rovigo. Due di loro, rispettivamente il macedone e il serbo sono stati denunciati anche per la permanenza irregolare nel territorio italiano. Il trio è stato scoperto perché è stato visto aggirarsi con fare sospetto, a bordo di due auto, nella zona dov’era nascosta la refurtiva e gli accertamenti hanno stabilito  il loro coinvolgimento nella vicenda.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button