sabato , 19 Giugno 2021
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)
Venezia, Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale - Foto: Alma Pater (CC)

Rapina, la Lega risponde ad Alessandra Moretti

La drammatica vicenda di Nanto, teatro nei giorni scorsi di una tentata rapina in gioielleria finita con l’uccisione di un rapinatore e i guai giudiziari di un benzinaio che era intervenuto sparando e costringendo alla fuga i banditi, comincia ad avere anche risvolti politici. C’era da aspettarselo del resto, quantomeno perché mancano solo alcuni mesi all’appuntamento elettorale di maggio, quando voteremo per il nuovo governo regionale. Infatti la polemica è proprio tra le due aree politiche che esprimono i candidati, ovvero la Lega nord dell’attuale governatore che si propone per un altro mandato, Luca Zaia, e il Pd che con Alessandra Moretti proverà a conquistare il fortino regionale.

Nicola Finco
Nicola Finco

Ed ad intervenire è ora proprio la Lega, in risposta ai concetti espressi sulla vicenda dalla candidata democratica durante un incontro pre elettorale. “Speculare su una tragedia, – scrive la Lega Nord in un duro comunicato – su un uomo coraggioso indagato per eccesso di legittima difesa, è uno schifo su cui pochi potrebbero condurre una campagna elettorale. Ci riesce bene la candidata Alessandra Moretti, che da Nanto non trova di meglio che accusare la Regione di aver tagliato i fondi per la sicurezza. Purtroppo Venezia fa i conti coi tagli dei governi Monti, Letta e Renzi, e col permissivismo di leggi che la sinistra ha sempre promosso. Non ce ne dimentichiamo”.

Alessandra Moretti
Alessandra Moretti

A firmare la nota è il consigliere regionale leghista Nicola Finco, vicentino, che ricorda ad Alessandra Moretti “le benemerenze del suo governo – scrive Finco – per quanto riguarda la sicurezza: 74 milioni di tagli solo nell’ultima Legge di Stabilità (42,7 al contrasto e tutela dell’ordine pubblico e 32 al coordinamento e la pianificazione tra forze di polizia); depenalizzazione di 157 reati molti dei quali contro il patrimonio; Svuotacarceri; sconti di pena o risarcimenti ai detenuti; nuovi provvedimenti di amnistia e indulto allo studio in Commissione Giustizia; abolizione del reato di clandestinità; 170.000 immigrati sbarcati con Mare Nostrum con un dispendio di risorse superiore al miliardo di euro”.

“Alla luce di tutto questo – conclude il consigliere regionale – una Moretti che sul luogo di una tragedia spara contro la Regione dimenticandosi da che governo lassista viene, è solo patetica. E le sue promesse, alla prova dei fatti, si scontrano con l’operato di Renzi e di una maggioranza romana alla quale non importa nulla del pericolo che la gente vive ogni giorno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità