Arte, Cultura e Spettacoli

Ambra Angiolini mattatrice al Comunale di Vicenza

Prosegue, a Vicenza, la rassegna Luoghi del Contemporaneo Prosa, presso gli spazi del Ridotto del Teatro Comunale. Dopo il “Gospodin” interpretato da Claudio Santamaria, arriva una protagonista femminile in un monologo dai toni surreali. Si tratta di Ambra Angiolini in scena con “La misteriosa scomparsa di W”, mercoledì 4 marzo, alle 20.45, Lo spettacolo è una recente produzione del Teatro dell’Archivolto di Genova, testo di Stefano Benni, regia di Giorgio Gallione.

L’attrice, al suo debutto in un monologo teatrale, ripercorre follemente e comicamente la sua vita, alla ricerca del pezzo mancante, ovvero W, il fidanzato, il nonno, o il coniglietto. Scene e costumi sono di Guido Fiorato, 
musiche di Paolo Silvestri. Lo spettacolo racconta di una donna qualsiasi, di nome V,  che è una sorta di parte che cerca il suo tutto e si interroga sul senso di infelicità e incompletezza. Nel farlo indaga su povertà e guerra, amicizia e intolleranza, giustizia e amore. Tutto sembra sfaldarsi attorno a lei: scompare il coniglietto Walter, viene a mancare il nonno Wilfredo, sfuma l’amicizia con la compagna di scuola Wilma e si chiude squallidamente la storia d’amore con il fidanzato Wolmer.

Il testo di Benni, agile e dissacrante, è sostenuto dall’interpretazione di Ambra Angiolini, per la prima volta sola in palcoscenico, dopo il David di Donatello e il Nastro d’Argento per l’interpretazione come attrice nel film “Saturno contro” di Ferzan Ozpetek.

“Sognante, sentimentale, – spiega una nota di presentazione dello spettacolo – semplice e commovente nell’esagerare insicurezza, timidezza, falsità, Ambra Angiolini dà un’immagine di sé forte e sicura, una prova d’attrice che ha sorpreso positivamente critica e pubblico. Il resto lo fa uno dei testi più riusciti di Benni, intelligente e ribelle, con pudore e sarcasmo. Ambra, attrice di cinema molto apprezzata, con al suo attivo un’altra apparizione importante nel teatro di prosa ne “I pugni in tasca”, di Marco Bellocchio,  fornisce al pubblico una vera prova di recitazione, a testimoniare che il monologo è la prova d’attrice per eccellenza”.

Lo spettacolo ha debuttato a Genova nel gennaio dell’anno scorso e da allora è stato in tournée in molti teatri italiani. E ci sarà ancora una protagonista femminile per la conclusione della rassegna Luoghi del Contemporaneo Prosa, che si chiuderà sabato 28 marzo con “Stasera ovulo”, di Carlotta Clerici, regia di Virginia Martini, interpretato da Antonella Questa. L’attrice, per questa interpretazione, ha ricevuto il Premio Calandra 2009, assegnato anche al monologo come miglior spettacolo dell’anno. I biglietti (ne sono rimasti pochi per il monologo di Ambra Angiolini) sono in vendita alla biglietteria del Teatro Comunale di Vicenza  (tel. 0444.324442 o biglietteria@tcvi.it), sul sito www.tcvi.it, e in tutte le filiali della Banca Popolare di Vicenza.

Articoli correlati

Back to top button