Economia

Pedemontana e colli protagonisti alla Bit di Milano

Pedemontana Veneta in questi giorni protagonista alla Bit di Milano, la Borsa internazionale del turismo, principale appuntamento fieristico del settore per il nostro paese. Il sistema “Pedemontana e Colli”, questa è la sua denominazione completa, del resto è stato anche incicato come una carta su cui puntrare dalla stessa Regione Veneto,, con una legge del giugno 2013, che lo classifica come uno dei dieci Sistemi turistici tematici (Stt) del Veneto.

Marino Finozzi
Marino Finozzi

Ieri, Marino Finozzi, assessore veneto al turismo, ha presentato a Milano le peculiarità e le potenzialità della nostra area pedemontana, il cui logo ufficiale consiste in una diagonale in dolce saliscendi a simboleggiare il suo carattere collinare, in tre colori, cioè tanti quanti le province che attraversa: Treviso, Vicenza e Verona.

“E’ un progetto avviato alcuni anni fa e che finalmente trova compimento – ha detto Finozzi –, conquistandosi oggi la prestigiosa vetrina della Borsa internazionale del turismo, a cui si aggiungeranno a breve ulteriori iniziative di promozione commerciale vera e propria dell’offerta dell’intero territorio della Pedemontana e Colli, riconosciuto quale insieme di prodotti turistici da promuovere, valorizzare e vendere, al pari di tutti gli altri sistemi turistici del Veneto”.

E’ già in programma, infatti, dal 27 al 29 marzo prossimi, a Bassano del Grappa, la prima edizione di Pedemontana Expo, un workshop per far incontrare domanda e offerta, al quale sono attesi una quarantina di tour operator e agenzie di viaggio provenienti da tutta Europa.

“Con la Pedemontana e Colli – ha agginto l’assessore – non abbiamo inventato qualcosa di nuovo, ma ottimizzato e sviluppato, in una logica di aggregazione, una destinazione che di fatto esiste e che aveva solo bisogno di essere identificata, superando obsoleti confini provinciali e sterili frammentazioni. Il fascino che da sempre esercitano luoghi e città come Conegliano, Possagno e Asolo, le colline del Prosecco, Bassano del Grappa, Marostica, i Colli Berici e i Monti Lessini, Soave e la Valpolicella, adesso possiamo sommarlo e, in una battuta, con tante perle formare una collana  preziosa”.

Anche i numeri del resto confermano tutto questo: in base ai dati del Ciset (Centro internazionale di studi sull’economia turistica) dell’Università  Ca’Foscari, dei 152 Comuni del sistema “Pedemontana e Colli”, ben 127 hanno registrato flussi turistici ufficiali nel corso del 2013, contro i soli 83 di dieci anni fa, sommando 700 mila arrivi e oltre 1,7 milioni di presenze. Un importante strumento in termini promozionali dovrà essere il neonato “Consorzio regionale di promozione turistica Pedemontana Veneta e Colli”, che riunisce operatori delle tre province, ha sede a Bassano ed è presieduto da Roberto Astuti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button