Vicenzavicenzareport

M5S: Fiera di Vicenza dimostri l’accredito all’Onu

“Fiera di Vicenza è una Spa controllata pariteticamente da tre enti di diritto pubblico: Camera di Commercio, Provincia e Comune di Vicenza. La nostra azione politica è svolta, e continuerà a svolgersi, in modo da ottenere che l’attività amministrativa si apra al controllo diretto dei cittadini, attraverso la massima trasparenza e partecipazione. Ce lo chiedono i cittadini e, in qualità di portavoce, noi portiamo avanti le loro istanze”.

A parlare così è Liliana Zaltron, consigliere comunale di Vicenza del Movimento 5 Stelle, motivando la sua richiesta di accesso agli atti, rivolta alla giunta del capoluogo berico, per avere una copia dell’accreditamento ufficiale di Fiera di Vicenza Spa quale membro di Ecosoc, presso le Nazioni Unite. La questione non è nuova. Già da qualche anno infatti si parla, anche con soddisfazione, di questo prestigioso ed importante accredito di Fiera di Vicenza presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite, ma non sono mancati coloro che hanno fatto notare come non siano in realtà mai stati resi noti documenti ufficiali che lo attestino.

Liliana Zaltron
Liliana Zaltron

“Avevamo chiesto, a suo tempo, – sottolinea la consigliera, entrando più nello specifico – di avere delucidazioni in merito alla colazione di lavoro che è stata fatta con i membri Ecosoc, il 14 marzo 2013. Il vicesindaco Bulgarini d’Elci, riportando quanto detto dal vicepresidente della Fiera, rispondeva alla nostra interrogazione, nel dicembre 2013, che le presunte spese pazze di Fiera di Vicenza si riferivano ad un evento ufficiale, svoltosi a New York, in occasione dell’accreditamento ufficiale di Fiera di Vicenza a membro di Ecosoc-Nazioni Unite, e che la Fiera, in quella circostanza, aveva ottenuto un riconoscimento ad oggi unico nel panorama delle organizzazioni fieristiche internazionali”

“Siamo lieti – continua la Zaltron – che Fiera di Vicenza abbia ottenuto un così alto riconoscimento e, visto che a seguito di una serie di ricerche nei vari siti istituzionali non abbiamo trovato documenti che attestino l’accreditamento, abbiamo chiesto direttamente a Fiera di Vicenza di fornircene copia. Una semplice copia di un documento che sicuramente, vista la sua valenza, non dovrebbe essere difficile recuperare. E non abbiamo chiesto che ci venga prodotta la lettera di compiacimento da parte di Abramov, presidente Ecosoc, per la collaborazione di Fiera di Vicenza con Cbjo, o il pass per entrare all’Onu dello stesso Facco”.

“Oggi – conclude la consigliera pentastellata – formuliamo nuovamente la richiesta della copia dell’accreditamento ufficiale, l’unico documento che potrà dare forza e significato a quanto dichiarato da Bulgarini d’Elci e da Fiera di Vicenza, e del quale sarebbe utile anche la pubblicazione sul sito internet della Fiera”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button