Veneto

Apindustria: Agenzia Ispettiva Unica la strada giusta

“La costituzione dell’Agenzia unica per le ispezioni sul lavoro è senza dubbio la strada da seguire se s’intende mettere mano a questo tema, come vuol fare il governo con il Jobs act. E’ vero che la legge delega consente anche un approccio molto più soft, vale a dire promuovere forme di coordinamento tra gli enti impositori (direzioni territoriali del lavoro, Inps e Inail), ma questo non basta, non risolve il problema di fondo della moltiplicazione degli accessi ispettivi”.

Sono parole di Flavio Lorenzin, presidente di Apindustria Vicenza, secondo il quale, il Jobs act contiene una serie di previsioni decisamente positive, all’insegna della semplificazione e del miglioramento del rapporto tra le imprese e le amministrazioni preposte. “Tra queste, – sottolinea Apindustria – la riduzione degli adempimenti connessi alla costituzione e alla gestione dei rapporti di lavoro, la revisione del sistema delle sanzioni, per evitare di colpire le aziende quando la violazione è di natura meramente formale e con l’idea che sia prioritario valorizzare il ravvedimento e il rispetto sostanziale delle regole, la razionalizzazione delle procedure e degli adempimenti sull’inserimento al lavoro dei disabili”.

“Tutto questo va benissimo, – ha commentato Lorenzin – se tradotto in misure concrete: ma mancherebbe ancora una parte necessaria del disegno, cioè un’autentica razionalizzazione delle funzioni di vigilanza, che ora sono distribuite tra gli uffici ispettivi di tre enti che non sono mai riusciti a coordinarsi in modo efficiente, per quanto gli auspici in questo senso si siano sprecati in questi anni”.

Il problema secondo Apindustria è, come si diceva, la moltiplicazione a cascata delle ispezioni, con accessi che si susseguono nel tempo dopo che il primo ufficio ispettivo segnala, come suo dovere, eventuali infrazioni riscontrate agli altri enti: si moltiplicano i verbali di accertamento e con essi le iniziative che deve mettere in campo l’azienda per difendersi, ricorsi amministrativi e giudiziali. Che l’Agenzia unica per le ispezioni sul lavoro, per riunire strutturalmente l’attività di vigilanza, sia l’unica vera risposta al problema, è in realtà noto da tempo, tanto che nei giorni scorsi è emerso che il governo aveva già elaborato uno schema di decreto legislativo in questo senso, abbandonando la più timida idea del semplice coordinamento.

È successo però che c’è stata una levata di scudi, specie da parte delle Confederazioni Sindacali, perché la ristrutturazione della funzione ispettiva porterebbe con sé una riduzione del personale dedicato e quindi la possibilità che emergano esuberi. “Ebbene – prosegue Lorenzin – lungi da noi l’idea che le obiezioni sollevate non siano degne di considerazione, ma questo non deve far deflettere dall’obiettivo di arrivare all’Agenzia unica, ossia ad un assetto che consentirebbe un salto di civiltà su questa materia e forse anche un deciso miglioramento della professionalità del personale ispettivo”.

Apindustria ricorda infine “che la costituzione dell’Agenzia unica per le ispezioni sul lavoro sembra presentare molte meno problematiche dell’altra agenzia unica prevista dal Jobs Act, quella che dovrebbe occuparsi delle politiche attive del lavoro: la prima infatti presuppone competenze che in termini costituzionali sono tutte in capo allo Stato, mentre la seconda deborda sulle competenze delle Regioni, che di queste attribuzioni sono molto gelose”.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. la sig.ra annamaria ha pienamente ragione: una vigilanza asseverata al potere politico di turno si tradurra’ in meno controlli alle aziende con grave danno e pregiudizio per i lavoratori

  2. l’autore dell’articolo mi sembra molto schierato e molto “di parte” nel suo ragionamento, vede nell’agenzia unica un metodo per limitare i controlli in materia di lavoro…….traducendo concretamente : ” una volta venuto il controllo dell’agenzia posso ragionevolmente pensare che avrò campo libero , almeno per un bel po’ di tempo, andassero a controllare qualcun altro”…………io come figlia di un lavoratore dell’edilizia che ha una pensione minima perché molti suoi ex-datori di lavoro lo hanno tenuto in nero e come sorella di un invalido del lavoro che ha subito un grosso infortunio perchè la ditta (impianti elettrici) non gli aveva fornito il casco di protezione, io la penso diversamente.
    Sono un ‘insegnante e non capisco nulla di diritto del lavoro………mi chiedo solo una cosa : perché aver paura dei controlli quando non si ha nulla da nascondere ????

    1. Grazie per il suo commento signora Anna Maria… Aggiungo solo qualche piccola sottolineatura. Per rispondere alla sua domanda finale, spesso si vorrebbero evitare i controlli non tanto perché si ha paura di essi ma per la burocrazia e gli intralci che comportano. Sul fatto che la burocrazia italiana sia eccessiva, a volte un vero incubo, non solo per le imprese ma anche per i cittadini, sarà d’accordo anche lei… Quanto al contenuto dell’articolo… Beh, è quasi tutto virgolettato, il che vuol dire che riporta, senza aggiunte né omissioni, il punto di vista di Apindustria, che per definizione rappresenta una “parte”.
      Un saluto molto cordiale
      F. O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button