giovedì , 22 Aprile 2021
Francesco De Gregori

Bassano, torna De Gregori in concerto, in maggio

Sarà un appuntamento da non perdere, per gli amanti di Francesco De Gregori, quello del 28 maggio, al Pala Bassano. Dopo sette anni, il celebre cantautore torna infatti ad esibirsi a Bassano del Grappa, in quella che è certamente una delle tappe più attese del suo tour che, a partire da domani, 20 marzo, lo porterà nei palasport e nei teatri di tutta Italia.  “Vivavoce Tour”, è questo il nome dato allo spettacolo, prodotto e organizzato da Caravan e F&P,  con il quale l’artista presenterà live il suo ultimo album, un doppio, uscito nell’ottobre dello scorso anno ed intitolato anch’esso Vivavoce.

De Gregori sarà accompagnato dalla sua band, formata da Guido Guglielminetti (basso e contrabbasso), Paolo Giovenchi (chitarre), Lucio Bardi (chitarre), Alessandro Valle (pedal steel guitar e mandolino), Alessandro Arianti (hammond e piano), Stefano Parenti (batteria), Elena Cirillo (violino e cori), Giorgio Tebaldi (trombone), Giancarlo Romani (tromba) e Stefano Ribeca (sax). Sempre da domani, sarà nelle programmazioni radiofoniche il brano “La leva calcistica della classe ’68”, nella nuova versione contenuta nell’ultimo album del cantautore, rivisitata con arrangiamenti inediti.

La tappa bassanese del 28 maggio è organizzata in collaborazione con Amc Eventi e Comunicazione ed Enterprise 8. L’ultimo concerto di De Gregori a Bassano fu, come dicevamo, nell’aprile del 2008, aperto dalla canzone “Finestre rotte” e chiuso con una memorabile versione di “Buonanotte fiorellino”. Per il suo ritorno nella città del Grappa le prevendite sono già attive con i biglietti disponibili online su www.ticketone.it, www.vivaticket.it e nei punti vendita abituali. Per ulteriori informazioni: www.fepgroup.it.

Ricordiamo, in conclusione, che l’album Vicevoce contiene particolarità significative, quali una nuova versione di “Alice”,  cantata in duetto con Ligabue, e “La donna cannone”, anch’essa in una nuova versione alla quale ha collaborato Nicola Piovani, che ne ha arrangiato e diretto gli archi. Il doppio album contiene inoltre “Il futuro”, cover del brano “The future”, di Leonard Cohen, che l’artista ha riadattato in italiano e proposto spesso live nei suoi concerti, e una versione de “La ragazza e la miniera”, arrangiata e realizzata da Ambrogio Sparagna con l’Orchestra popolare italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità