Breaking News

Il Bassano cade ad Arezzo, la vetta si allontana

Si ferma ad Arezzo la serie positiva del Bassano: dopo cinque risultati utili, arriva una sconfitta di misura che allontana i giallorossi dalla vetta, ora distante quattro punti. Il giustiziere della squadra di Asta è Sabatino, con un bolide mancino dal limite dell’area che trafigge Rossi a poco più di un quarto d’ora dalla fine. Una fatale punizione per le occasioni non sfruttate in precedenza, soprattutto nel corso di un primo tempo ben giocato.

In formazione tipo, con il solo pesante forfait del bomber di scorta Maistrello tra i rincalzi, il Bassano parte subito forte: Benassi prima blocca in due tempi la conclusione ravvicinata di Nolè su imbeccata di Pietribiasi (2′), poi sfodera un duplice miracolo su Iocolano e Furlan (11′). Rossi non è da meno, quando al 14′ si oppone in uscita a Cucciniello. Che non sia giornata, Asta inizia a temerlo al 20′: Bizzotto esce col naso malconcio da uno scontro di gioco ed è costretto a lasciare a Zanella il suo posto al centro della difesa. L’Arezzo cerca di approfittarne: al 26′ Panariello in scivolata sfiora il palo sugli sviluppi di una punizione di Dettori. Fuori anche il colpo di testa di Bonvissuto su cross dalla sinistra di Sabatino al 34′. Dopo un tiro dai 25 metri di Iocolano alto di poco sopra la traversa, il finale di tempo è di marca toscana: Rossi devia in corner una sassata di Testardi dal limite e Zanella sventa in extremis un pericoloso contropiede di Bonvissuto.

Al rientro dagli spogliatoi i giallorossi tornano a farsi minacciosi: Guidi vanifica una bella azione personale di Furlan (2′), Benassi inchioda un tiro di controbalzo di Semenzato su sponda di Pietribiasi (11′) e Villagatti anticipa sul più bello Pietribiasi in area (14′). Quando la spinta si affievolisce e il serbatoio delle energie entra in riserva, il Bassano comincia a vacillare: al 17′ Carcione verticalizza per Yaisien che calcia in porta, Rossi respinge e Proietti completa l’opera rifugiandosi in angolo. Dieci minuti dopo, però, il numero uno ospite nulla può sulla volée di Sabotino che si insacca imparabilmente alle sue spalle.

La reazione allo svantaggio è immediata ma confusa e poco efficace: al 34′ Cattaneo non arriva di un soffio all’appuntamento con un rasoterra di Furlan. Nemmeno l’ingresso del neoacquisto Spadafora cambia granché: l’Arezzo regge allo stanco assalto giallorosso, che si chiude con un tentativo di Iocolano fuori bersaglio allo scadere. Finisce 1-0 per l’Arezzo, alla terza vittoria interna consecutiva. Il ciclo di ferro del Bassano inizia nel peggiore dei modi: sabato, al Mercante, servirà l’impresa contro il Novara per non perdere contatto dalle battistrada in fuga.

AREZZO – BASSANO 1-0

AREZZO (3-5-2): Benassi; Villagatti, Panariello, Guidi; Franchino, Dettori, Gambadori, Cuccinello (6′ st Carcione), Sabatino; Bonvissuto, Testardi (14′ st Yaisien). A disp.: Rosti, De Martino, Brumat, Coppola, Padulano. All. Capuano

BASSANO (4-2-3-1): Rossi; Toninelli, Bizzotto (20′ pt Zanella), Priola, Semenzato; Cenetti, Proietti; Furlan, Nolè, Iocolano; Pietribiasi (22′ st Cattaneo). A disp.: Grandi, Stevanin, Davì, Cortesi, Spadafora. All. Asta

ARBITRO: Fourneau di Roma 1

MARCATORI: st 28′ Sabatino

Ammoniti: Villagatti (A), Carcione (A), Proietti (B) per gioco scorretto

Espulsi: Toninelli (B) per doppia ammonizione

Angoli: 9-7 per il Bassano

Recuperi: pt 3′, st 4′

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *