Sport

Basket femminile, il Famila Schio vola a Cagliari

Dopo lo stop di giovedì sera in Turchia (sconfitta per 68-63 contro Fenerbahce), il Famila Wuber Schio è pronto ad una nuova trasferta. La destinazione è il PalaCus dove, domenica 15 alle 18, incontrerà le padrone di casa del Cus Cagliari, nella settima giornata di ritorno dell’84° campionato italiano di serie A1. Le sarde, in decima posizione, lottano per staccarsi dai bassifondi della classifica ed entrare nella griglia dei play off. Le arancioni, invece, guardano con entusiasmo ad una vetta che, complici i due passi falsi di Ragusa, ora è più che mai abbordabile.

La gara di andata al PalaCampagnola, vinta dal Famila per 89-75, non fu entusiasmante, soprattutto perché il biglietto da visita con cui le sarde si presentarono a Schio (quattro vittorie nei primi sei incontri) avrebbe fatto pensare ad un match scoppiettante. Dopo la sconfitta in Veneto, però, le affermazioni delle rossoblù sono state soltanto tre sulle undici partite disputate. Ad onor del vero, le vittorie conquistate sul campo sarebbero quattro, ma il 70-67 rifilato al Napoli l’11 gennaio, non è stato omologato dal giudice sportivo a causa di un tesseramento ritenuto irregolare. A nulla è valso il ricorso delle universitarie e lo 0-20 per le campane è stato confermato.

C’è da dire che la squadra cagliaritana è stata rimaneggiata durante la stagione ed ha dovuto fare i conti con gli addii di Brunetti (approdata in A2 alla Magika-Alfagomma Castel San Pietro), di Taylor e di Correal (ora in forza al Northland Lulea, in Svezia). Così, per rimpolpare il magro organico e provare a smuovere la classifica, nel mercato di gennaio, la società ha messo a segno dei colpi di qualità con gli innesti di Reke (da La Spezia) e della trentottenne Bogoje (dallo ŽKK Ragusa PGM Dubrovnik). L’ex spezzina ha già all’attivo cinque partite con la nuova casacca, mentre per la lunga croata, quella contro le scledensi sarà la terza gara in rossoblù. Coach Restivo potrà poi contare su Soli, Micovic, quasi infallibile dalla lunetta (89,71 è la percentuale di realizzazione) e su Liston, la migliore realizzatrice del torneo, con 19,41 punti per match.

Per quanto riguarda Schio, archiviata la questione Eurolega (manca ancora un turno, ma il cammino europeo è già concluso), le arancioni possono far convergere l’energia e la concentrazione verso gli obiettivi ancora in gioco. Si tratta del campionato e, soprattutto, delle imminenti final four di coppa Italia, che si svolgeranno a Perugia il 21 e 22 febbraio prossimi, con la speranza che, per allora, tutte le giocatrici abbiano recuperato appieno dagli acciacchi di stagione e dai fastidi fisici che le hanno colpite in questo periodo. Ma non ha senso guardare troppo avanti, bisogna affrontare un ostacolo alla volta e il primo scoglio in vista è rappresentato proprio dalla partita di domenica contro l’agguerrito Cus Cagliari.

Ilaria Martini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button