Cronaca

Vicenza e provincia cronaca

Vicenza, infermiera aggredita da un paziente –

“Sei arrogante, maleducata, mi somministri dosi troppo forti che mi fanno stare male”. Queste parole si è sentita rivolgere un’infermiera del centro di salute mentale, in contrà mure Corpus Domini, a Vicenza. L’infermiera non si è beccata solo insulti, ma anche un pugno al volto che le provocato la rottura del setto nasale. Alle 16.50 di ieri un 37enne in cura al centro ha bussato alla porta e l’infermiera gli ha detto di attendere un attimo prima di entrare. L’uomo però non ha gradito la risposta ricevuta, è entrato lo stesso e ha iniziato ad insultare la donna. Peccato però che non si sia limitato alla parole e abbia sferrato un pugno in faccia all’infermiera oltre che colpirla più volte alla testa. In soccorso della donna è arrivato il custode del centro che a fatica è riuscito a bloccare il soggetto di un metro e novanta. Sul posto sono arrivati gli agenti delle volanti che hanno portato il 38enne all’ospedale dove è stato sottoposto al trattamento sanitario obbligatorio. L’infermiera aggredita ha riportato la rottura del setto nasale e contusioni alla testa.

Altavilla Vicentina, rubati 320 cellulari all’Unieuro

Hanno racimolato un bottino di oltre 25 mila euro i malviventi che alle prime luci dell’alba hanno messo a segno un colpo ai danni dell’Unieuro in via Olmo, 44, ad Altavilla Vicentina. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, che si stanno occupando delle indagini, i ladri avrebbero agito verso le 6 e sarebbero entrati nel negozio forzando una porta di ingresso, poi in pochi minuti hanno rubato 320 cellulari di varie marche e sono riusciti a fuggire prima dell’arrivo della sorveglianza e dei carabinieri. Il danno è coperto da assicurazione. Ora i militari dell’Arma stanno visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza poste all’interno e all’esterno dell’Unieuro.

Vicenza, serbo ha sedici bici rubate in garage

Fascicolo fotografico bicicletteNel suo garage aveva ben sedici biciclette, manco a dirlo, tutte rubate. Ad essere denunciato per ricettazione è stato un serbo di 54 anni, da anni residente in città. I carabinieri sono risaliti all’uomo dopo accurate indagini iniziate dopo alcune segnalazioni di alcuni cittadini che in passato avevano notato il serbo comprare un bici da un extracomunitario in un bar di viale della Pace. Alle 16.30 di ieri, in via Marani, i carabinieri, nel corso di un servizio mirato alla repressione dei reati predatori, hanno identificato l’uomo e e individuato il garage che aveva in affitto. Nella rimessa sono state rinvenute le 16 biciclette, due senza numero di telaio, di varie marche che sono state sequestrate. I militari invitano i cittadini che hanno subito il furto della due ruote a mettersi in contatto con gli uffici del Nucleo Operativo e Radiomobile di Vicenza.

Vicenza, ladri in azione in tre garage

Sono ben tre i furti avvenuti nei garage in alcune abitazioni di Vicenza e i ladri hanno rubato oggetti da giardinaggio. In strada dei Pizzolati sono state due le rimesse visitate: nel primo caso sono stati portati via un decespugliatore, un martello pneumatico e due seghe circolari riposti in una casetta di legno in giardino. Nel secondo caso i malviventi sono tornati a casa con un avvitatore, un demolitore e un tassellatore presenti in garage. In via Perin un cittadino ha subito il furto di un trattorino quattro ruote, di uno zappatore, di un tagliaerba e di una falciatrice.

Vicenza, chiude una donna dentro il negozio

Quando ha visto entrare due persone nel suo call centre e ha notato uno scambio strano ha chiamato immediatamente il 113 e ha chiuso una donna all’interno del negozio. L’episodio è accaduto alle 18.30 di ieri in via Gorizia. Un bengalese, titolare del call centre, ha visto una donna entrare con un extracomunitario e andare nelle postazioni computer più defilate. Attraverso le telecamere ha visto l’uomo passare una bustina alla donna e quest’ultima avrebbe consumato subito la sostanza contenuta. Il presunto spacciatore dopo la cessione è uscito mentre lei è rimasta dentro e il bengalese, convinto si trattasse di droga, non ci ha pensato due volte a chiudere la donna a chiave dentro il locale. All’arrivo della polizia la 43enne vicentina ha riferito che l’extracomunitario le aveva soltanto mostrato un paio di pantaloni che lei non ha voluto comprare e si è lamentata di essere stata chiusa dentro il locale. I poliziotti ora stanno visionando le immagini delle telacamere per vedere chi dice il vero.

Vicenza, bengalese aggredito in viale Roma

Ha qualcosa di strano l’episodio verificatosi a mezzanotte e mezza in viale Roma. Un bengalese ha telefonato al 113 riferendo di essere stato picchiato da un soggetto di colore. Agli agenti arrivati sul posto l’uomo ha fatto di essere stato colpito con una bottiglia rotta dietro al collo e ha indicato come responsabile del gesto un individuo che stava camminando poco lontano. Quando i poliziotti lo hanno fermato il bengalese ha detto che non era lui il suo aggressore bensì un altra persona che si trovava nei paraggi, ma la storia si è ripetuta più volte e i presunti aggressori continuavano a cambiare volto. Resta da capire perché abbia chiamato il 113 visto che la vicenda ha contorni poco chiari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button