lunedì , 14 Giugno 2021

Vicenza, anziani più furbi dei truffatori

Le truffe ai danni degli anziani non si placano e sono sempre dietro l’angolo ma stavolta, merito anche degli incontri organizzati dalla Questura di Vicenza per mettere in guardia le persone anziane dai furbetti, le potenziali vittime designate hanno fatto desistere i malfattori.

Nel primo caso una signora 75enne è stata avvicinata da un uomo che si è spacciato per un amico del figlio e, per dimostrarle la sua credibilità le ha detto il nome del figlio, Luigi. La donna gli ha creduto e lui le ha chiesto dei soldi, 500 euro, per il pagamento di un computer che le avrebbe consegnato. La signora è salita sull’auto del malfattore dove a bordo c’era anche un complice ma, una volta arrivati sotto casa per prendere la somma di denaro richiesta ha rifiutato di farli salire all’interno dell’appartamento. Una volta dentro, insospettita dallo strano comportamento dei due soggetti, ha telefonato al figlio che ovviamente era ignaro di tutto e ha negato di aver acquistato un computer. I due soggetti non vedendo più scendere la loro vittima hanno visto fallire il loro piano e si sono allontanati.

Un altro caso ha visto come protagonista un arzillo ottantenne che è stato avvicinato da una bella ed elegante donna all’uscita dalla banca. La seducente signora, con fare amichevole, si è offerta di fargli compagnia cercando un contatto fisico con lui. L’uomo però ha capito il tranello ed è riuscito a farla desistere dal suo intento chiedendo aiuto ai passanti ad alta voce. L’ottantenne è anche riuscito a vedere l’auto, compresa una parte della targa, con la quale la donna è riuscita a scappare.

La polizia raccomanda perciò di prestare molta attenzione ai passeggeri di una Citroen C2 di colore grigio metalizzato, targata CR 159. Chiunque dovesse notare questa vettura è pregato di allertare immediatamente il 113 o il 112.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità