Politica

Moretti: “Lascio il Parlamento Europeo”

Dimissioni immediate dal Parlamento europeo e via alla campagna elettorale per la presidenza della Regione Veneto. E’ così  che Alessandra Moretti è partita oggi per la lunga maratone pre elettorale che la porterà a sfidare Luca Zaia, in primavera, nelle elezioni regionali. Un mossa giusta quella della esponente vicentina del Partito Democratico, che politicamente la mette al riparo dalle critiche che sarebbero certo aumenta nei prossimi giorni, dopo che il Movimento 5 Stelle aveva chiesto proprio le sue dimissioni da europarlamentare a seguito della vicenda dei giorni scorsi nella pasticceria di Vicenza. E questo è tanto più vero in un paese in cui nessuno dà le dimissioni, salvo che non sia costretto almeno dall’incombere di un paio di manette.

Il caso di Alessandra Moretti, naturalmente, è di tutt’altro tipo, dato che parliamo solo di una sua minaccia di querelare un cittadino che l’aveva pesantemente apostrofata in un bar. Vai a lavorare, le aveva detto in buona sostanza, forse in modo un po’ colorito. Il caso era stato poi stigmatizzato dal senatore  dei 5 Stelle Enrico Cappelletti, che aveva sottolineato l’opportunità che l’europarlamentare si dimettesse dal suo incarico europeo per non pesare (con il lauto stipendio che un eurodeputato italiano percepisce) sui contribuenti mentre fa tutt’altro, nel caso specifico una campagna elettorale per la Regione.

“Do le mie dimissioni, da subito, dal ruolo di parlamentare europeo, – ha sottolineato infatti la Moretti – ho già avviato le pratiche per renderle immediate . E’ una scelta che nessuno, da 23 anni, ha mai fatto, se non avendo a disposizione un paracadute o una potenziale ricompensa in caso di insuccesso”.

L’annuncio è stato dato dalla stessa parlamentare europea del Pd questa mattina a Limena, nei pressi di Padova, dove ha scelto di avere il suo quartier generale elettorale in vista della nalla sfida per la Regione Veneto. “Rimarrò in Veneto – ha concluso – e sono fiera di questa scelta”.

Tra gli altri commenti della prima giornata di campagna elettore di Alessandra Moretti da segnalare quello riguardante la decisione, presa ieri a Palazzo Ferro Fini dalla commissione Affari istituzionali della Regione Veneto, di far partire solo dal 2025 la norma che limita a due mandati la presenza di un politico in Consiglio regionale. “E’ un’occasione perduta – ha detto Moretti – e ci impegneremo perché la politica dia il buon esempio e perché chi amministra, dopo un certo periodo, dia anche ad altri la possibilità di governare”.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Salve, intanto non ha dato le dimissioni ma presentato l’iter… il che è tutto un’altro paio di maniche. Di sicuro senza posto di lavoro non ci resterà (ci scommetto quello che volete che non vincerà!).

    Detto questo, va fatta una doverosa precisazione: se chiamo io i CC per lamentarmi di una persona che mi manda a lavorare, non vi dico nemmeno dove mi mandano. Ma siccome non sono un politico… E poi hanno anche il coraggio di dire che le istituzioni funzionano! Si, per loro!

    Vi rimando al video sul blog “la cosa” per capire come sono andati veramente i fatti.

    http://www.beppegrillo.it/videos/0_hex43vca.php

    http://www.beppegrillo.it/la_cosa/2015/01/15/parla-lattivista-che-e-stato-denunciato-dalla-moretti-pd/

    di sicuro mi censurerete, no?!

  2. Onore e riconoscenza per lo “sconosciuto” 45enne denunciato per aver sollecitato a fare il proprio dovere un superpagato rappresentante del popolo che , stando a quanto sostiene l’emittente radiofonica di Confindustria, parrebbe in una botte di ferro invece, per quanto riguarda l’elezione in Veneto!
    Siamo stanchi delle prese pelcubo……manco più indignarsi si può?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button