Lettere e Opinioni

Marlane, un altro “caso” italiano

Gentile direttore,

nel dare notizia dell’esito del processo di primo grado relativo al “caso” Marlane, a cui il suo giornale ha dato spazio accogliendo anche un mio, non antico, commento ed auspicio, lei si chiede  “cosa  (il sottoscritto?) ne pensi e quali considerazioni trarne allo stato dell’arte”. Il dispositivo della sentenza depositato e reso pubblico pochi giorni fà assolve gli imputati per “insufficienza di prove”. Ciò è quanto ho letto anche sul quotidiano la Repubblica, unico che riesco a trovare cartaceo all’estero ove temporaneamente mi trovo.

Ebbene, sono semplicemente “sconvolto”. Leggerò, se ne avrò voglia e la possibilità, la motivazione della sentenza e forse ne comprenderò il senso e la ragione giuridica. A ciò sono un tantino attrezzato per lunga militanza fra “codici, pandette sentenze e mal sentenze” di vario tipo, qualità, provenienza e sottostante. In breve, un apprendista stregone che da tanti buoni maestri ha imparato il ” bene ed il male del diritto e del rovescio (del diritto)”.

Adesso posso solo sperare che in Italia vi siano ancora un Poeta ed un Faber che possano “raccontare e musicare” le vite e le gesta da vivi di alcuni interpreti di questa nostra piccola e malinconica storia di “morti ammazzati ” senza prove evidenti.
O, se evidenti, non previste da “leggi, regolamenti, pareri, conoscenze scientifiche, studi epidemologici, registri mortuari ed altri strumenti del comune sapere”. E quindi, assoluzione per mancanza di prove…

*****************

“Spoon River addio”; e noi avremo ancora di che pensare; sempre che si abbia tempo e voglia di farlo; tempo e voglia di di altri “sgomenti”; tempo e voglia di vivere in un Paese che di siffatte morti non faccia strame.
E lei non debba più chiedere al lettore “cosa altro pensare…”

Alessandro Giordano

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button