Sport

Basket femminile, il Famila Schio passa a Vigarano

Questa sera, al PalaVigarano, il Famila Wuber Schio ha superato le padrone di casa della Asd Pallacanestro Vigarano con il punteggio di 59-76, nel combattuto anticipo della prima giornata di ritorno del campionato italiano di serie A1 (le altre partite si giocheranno il 6 gennaio). Le formazioni si sono presentate sul parquet rimaneggiate. Le biancorosse hanno dovuto infatti fronteggiare il mancato rientro, dopo la pausa natalizia, di Marshall, mentre le arancioni, erano prive di Sottana e Zandalasini (lasciate a riposo in via precauzionale), ma hanno potuto contare sul nuovo acquisto, Isabelle Yacoubou.

Passando alla cronaca, nell’incontro delle 18, le venete bucano la retina per prime, ma le biancorosse di Vigarano pareggiano subito. Il match è molto intenso, soprattutto in difesa, tanto che dopo quattro minuti, il punteggio è appena di 3-4 per le arancioni. Schio preferisce dare la palla dentro l’area, a Yacoubou, invece di cercare il tiro da fuori. Pian piano, il tabellone si muove e il Famila arriva a +7, 12-19, ma un canestro delle ferraresi le riavvicina, per il 14-19 finale.

Due tiri liberi di Bestagno aprono la seconda frazione. Con un altro tiro libero, le biancorosse si portano a ridosso delle avversarie, 17-19. I canestri di Yacoubou e Ugoka non cambiano il divario, che rimane di due punti, 19-21. Poi, a -1 (20-21), le vigaranesi perdono terreno e scivolano a -8, 22-30. Questo significa che la mossa di Mendez di abbassare il quintetto per opporsi in maniera più efficace alla difesa aggressiva di Vigarano sta funzionando. E l’accelerazione del Famila determina il +12 a metà partita, 29-41.

Alla ripresa del gioco, 4 punti delle scledensi valgono il 29-45. Ma Vigarano non si fa sottomettere e risorge con 7 punti di Cirov e Ugoka, che portano le biancorosse a -9, 36-45. La ricerca insistita di Yacoubou in area, fa perdere alle ospiti qualche pallone di troppo, ma subito le arancioni correggono il tiro e, dopo trenta minuti di gioco, sono ancora in vantaggio di 12 lunghezze, 44-56.

La gara non è ancora decisa e le prime azioni dell’ultimo, fondamentale, parziale propongono errori da ambo le parti. A sbloccare il punteggio ci pensa un gioco da tre punti di Bestagno, che vale il -10, 47-57. Anche se Bestagno e compagne non si risparmiano, l’assenza di Marshall pesa, dato che Vigarano paga la panchina corta. Infatti, spesso, è la stanchezza la causa della scarsa lucidità in campo. Anche le campionesse d’Italia non sono al completo, ma scoprono in Honti un’ottima regista. Schio è preciso e determinato e, a metà quarto, il vantaggio è di 17 punti, 51-68.Poi, 4 punti di Ugoka sanciscono il -13, 55-68. A poco più di due minuti dal termine, il divario è sempre di 13 punti, 57-70. Un’immensa Yacoubou realizza il suo sedicesimo punto, si aggiungono Macchi e Ress per il 57-76. Chiude la partita un canestro della vicentina Zanella, che fissa il risultato sul 59-76.

Ilaria Martini

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button