Breaking News

Al via la danza al Teatro Comunale di Vicenza

Dopo l’apertura, nei giorni scorsi, della stagione di prosa, al Teatro Comunale di Vicenza prende il via anche la nuova stagione di danza.Primo titolo in cartellone è il nuovo spettacolo di danza contemporanea,“Alice”, per la coreografia di Mauro Bigonzetti e presentato dalla compagnia tedesca Gauthier Dance – Dance Company Theaterhaus Stuttgart, diretta dal coreografo canadese Eric Gauthier: lo spettacolo è in programma in doppia data, sabato 13 dicembre alle 20.45 e domenica 14 dicembre alle 18.00. La programmazione di questa nuova stagione, realizzata in collaborazione con Arteven, che cura anche la direzione artistica, prevede sei spettacoli, di cui tre in doppia data. Un gala di danza classica, spettacolo di grande appeal e sicuro richiamo per il pubblico, con protagonisti i solisti dell’Opera di Vienna, chiuderà la Stagione.

Ma vediamo agli spettacoli in dettaglio. Quello di apertura, ispirato ad “Alice nel Paese delle Meraviglie”, di Lewis Carroll, è una messa in scena ricca di situazioni oniriche, dettate dall’immaginazione e dalla libertà senza limiti. Sabato 31 gennaio alle 20.45 e domenica 1° febbraio alle 18.00 sarà poi la volta del Balletto di Roma che presenterà “Il lago dei cigni, ovvero il canto”, coreografia e regia di Fabrizio Monteverde, titolo per eccellenza nel repertorio del grande balletto classico, in cui si fondono la struggente narrazione della vicenda e la grande musica di Cajkovskij. Monteverde, grande nome della coreografia, affronta il capolavoro con originalità, mettendo in relazione il balletto con la novella di Cechov “Il canto del cigno”, ottenendo una versione molto moderna.

Ancora una doppia data per il terzo spettacolo in programma, sabato 7 marzo alle 20.45 e domenica 8 marzo alle 18.00, ed ancora un celebre titolo, “Cenerentola” presentata dal Malandain Ballet Biarritz, raffinato ensemble francese, diretto dal coreografo Thierry Malandain, riconosciuto per le sue eleganti rivisitazioni del repertorio classico. L’ambientazione scarna e minimale e sulla scena campeggiano una serie di scarpe da donna appese, ma lo spettacolo centra l’obiettivo di parlare del desiderio e della storia d’amore, così come della colpa delle sorellastre. Una fiaba in danza rivisitata in chiave moderna, scandita dalla grande musica di Prokofiev.

Novità gradita sarà probabilmente anche il quarto appuntamento in calendario sabato 11 aprile alle 20.45, quando la Hofesh Shechter Company, diretta dal coreografo anglo israeliano da cui prende il nome, sarà a Vicenza con il nuovo spettacolo “Sun”. Lo stile che ha consacrato Hofesh Schechter come uno dei nuovi fenomeni della coreografia contemporanea, è particolarissimo, ricco di reminiscenze sia mediorientali che nordeuropee.

Il quinto spettacolo è in programma mercoledì 6 maggio alle 20.45. Si tratta di “Ciak si gira”, presentato dai Pokemon Crew, scatenata band di danzatori hip-hop e di break-dance, con la direzione artistica di Riyad Fghani, gruppo residente all’Opéra di Lione dal 2003. Nella nuova produzione la band propone un omaggio ai film musicali hollywoodiani, e alla città che li ospita, Lione, in cui proprio nel 1895 è nato il cinema con Sortie d’Usine dei Fratelli Lumière.

La fine della stagione, in programma sabato 16 maggio alle 20.45, è affidata al fascino senza tempo della danza classica, con il Gala con i Solisti dell’Opera di Vienna, direzione artistica di Manuel Legris, fuoriclasse del balletto mondiale, nominato étoile dell’Opéra di Parigi direttamente da Rudolf Nureyev. Una scelta accurata di brani di culto del repertorio del balletto consentirà di apprezzare questa nuova generazione di artisti, interpreti rigorosi della tradizione classica, che non rinunciano però alla sensibilità contemporanea. I biglietti per gli spettacoli sono in vendita alla biglietteria del Teatro Comunale di Vicenza (telefono 0444.324442, biglietteria@tcvi.it) aperta dal martedì al sabato dalle 15.00 alle 18.15, sul sito del teatro www.tcvi.it, e in tutte le filiali della Banca Popolare di Vicenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *