Breaking News
  • Bulgarini d'Elci e Marco Goldin davanti alla Carmen sveglia

  • Carmen sveglia baciata dal sole

Mostra a Palazzo Chiericati, tutto pronto per Lopez Garcia

Il 6 gennaio Antonio Lopez Garcia compirà 79 anni, e ha deciso di festeggiarli concedendo a Vicenza una quarantina di opere, per una mostra personale a Palazzo Chiericati. In contemporanea alla grande esposizione in Basilica dunque, è tutto pronto anche per la mostra di uno dei più grandi artisti figurativi viventi.

Antonio Lopez Garcia - Foto: hombreencamino.com
Antonio Lopez Garcia – Foto: hombreencamino.com

Nonostante l’apertura della mostra sia prevista la vigilia di Natale, la città da oggi può ammirare le due gigantesche teste della Carmen dormiente e della Carmen sveglia, sculture in bronzo patinato istallate nel piazzale davanti a Palazzo Chiericati. Oltre alla madre dell’artista, si chiama Carmen anche una delle sue figlie, e soprattutto la nipote, “modella” nel 2008 per le opere bronzee del nonno.

“E’ stato un costo non indifferente per Linea d’Ombra – ha ammesso il curatore Marco Goldin – trasportarle qui dalla Spagna, ma l’artista ci teneva tanto che fossero loro ad accogliere i visitatori davanti al Palazzo Chiericati. Ce ne sono tre copie al mondo, e una è già davanti ad un edificio in stile palladiano, cioè il museo di Boston”

“Negli ultimi vent’anni – continua Goldin – Lopez Garcia si è dedicato soprattutto alla scultura, anche quella monumentale. La serie di opere sui nipotini è iniziata negli anni Duemila. In ogni caso continua a ricevere riconoscimenti per tutti i suoi lavori: in questo momento al Palazzo Reale di Madrid c’è un’esposizione di ritratti della casa reale di Spagna, che si intitola proprio Da Velasquez a Lopez Garcia

“Palazzo Chiericati – dice il vicesindaco Bulgarini d’Elci – è sempre stato il cuore della città di Vicenza. Abbiamo voluto dargli qualcosa in più e di diverso: ecco il perché di tante iniziative dedicate all’arte contemporanea. In questo contesto Lopez Garcia rappresenta sicuramente l’apice del nostro progetto”

R.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *