Breaking News
La Giustizia

Bassano, sistema giudiziario mutilato da scelte sbagliate

“La soppressione dell’Ordine degli avvocati rappresenta una nuova gravissima perdita per la nostra città e per il sistema giudiziario regionale”. E’ il commento del sindaco di Bassano del Grappa, Riccardo Poletto, alla triste giornata di oggi per la città ed in particolare per il locale sistema giudiziario che dopo la chiusura del tribunale bassanese per logica conseguenza ha visto anche la soppressione della rappresentanza cittadina dell’Ordine degli avvocati. Proprio oggi, per altro, gli avvocati bassanesi si sono congedati dalla città in un incontro nel quale non sono mancate le riflessioni critiche nei confronti di questo ennesimo taglio di servizi prestati ai cittadini.

Riccardo Poletto
Riccardo Poletto

“L’amministrazione comunale di Bassano – ha aggiunto il sindaco – è, come lo è sempre stata, vicina agli avvocati bassanesi e alle moltissime persone che in questi anni si sono mobilitate per scongiurare una chiusura che purtroppo non è stato possibile sospendere. Non voglio dilungarmi sulla scelleratezza di questa scelta, né sulla sua paternità. Certo è che le sue drammatiche conseguenze sono sotto gli occhi di tutti, e molto chiari sono i dati relativi al peggioramento che il sistema giudiziario ha fatto registrare dopo la chiusura della sede di via Marinali”.

“Ho sempre sostenuto – ha concluso Poletto – e lo ribadisco oggi che la nostra battaglia non finisce qui e che proseguirà a sostegno di un Tribunale della Pedemontana che restituisca efficienza ed efficacia all’azione giudiziaria nel Veneto e in Italia. Il paradosso che ci ha imposto la trasformazione da modello virtuoso a ultimi della classe non ci appartiene e non vogliamo accettarlo, perché questa non è giustizia”.

Rosanna Filippin
Rosanna Filippin

Anche Rosanna Filippin, bassanese e senatrice del Partito democratico, ha voluto rilanciare il suo impegno contro la chiusura del Tribunale di Bassano: “Non ho potuto essere a Bassano questa mattina, – ha scritto in una nota la parlamentare – ma, come ho fatto in tutti questi mesi, continuerò a portare al governo la voce unitaria degli avvocati, degli enti locali, dei cittadini e delle associazioni di categoria che chiedono di ripensare una scelta che, lo abbiamo detto sin dall’inizio, è sbagliata e ingiusta per il nostro territorio”.

“Assicuro quindi – ha concluso – il mio incondizionato sostegno ad ogni azione volta a tutelare e migliorare la giustizia nel Veneto e la riapertura del Tribunale a Bassano. Il presidente Zaia ha detto che la guerra non è persa? Sono d’accordo e per questo non abbiamo mai rinunciato ad opporci a questa decisione non solo con le parole ma anche con una proposta concreta, quella del Tribunale della Pedemontana. Se l’arrivo al Tribunale di Vicenza di 10 nuovi giudici oltre al Presidente Rizzo è stata una buona notizia, vogliamo che questo sia solo il primo passo di un cammino che deve restituire al Veneto e ai veneti una giustizia efficiente ed efficace”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *