Breaking News

Bassano e Real Vicenza si annullano, il derby finisce pari

Un derby senza vincitori né vinti. Bassano e Real Vicenza non si fanno troppo male: ai giallorossi il pari costa sì il primato, ma la priorità era allungare la striscia positiva a 15 gare consecutive. Bruno replica a Cattaneo nel giro di un minuto e gli ospiti portano a casa il pareggio che avrebbero probabilmente sottoscritto alla vigilia, anche se osando qualcosa di più il colpaccio oggi sarebbe stato alla loro portata.

Dopo il 3-3 con la Torres, Marcolini registra la difesa con Solini al posto di Beccaro e conferma Malagò in mediana, lasciando in panchina Pavan. Privo degli squalificati Cenetti e Pietribiasi, Asta invece sorprende tutti schierando Iocolano a centrocampo accanto a Proietti e Cattaneo nel terzetto di mezzepunte alle spalle di Maistrello. I giocatori offensivi sono addirittura cinque: scelta rischiosa, che priva il Bassano di peso e sostanza in mezzo al campo. E si vede: dopo aver reclamato un rigore per un tocco di braccio di Bardelloni su punizione defilata di Nolè, i giallorossi nel primo tempo subiscono l’iniziativa costante del Real, vicino al gol due volte tra l’8’ e il 9’ con altrettanti tiri dal limite di Vannucci (Rossi para a terra) e Malagò (fuori di poco).

Alla prima fiammata i padroni di casa però si trovano avanti: l’uno-due tra Nolè e Maistrello pesca libero sulla sinistra Cattaneo, potente nel tiro-cross che Piccinni insacca nel disperato tentativo di spazzare sottorete. Il vantaggio del Bassano però dura appena un minuto e poco più: sovrapposizione di Carlini sulla destra che riceve da Lavagnoli e crossa in mezzo per la girata del goleador Bruno, che brucia Toninelli e firma il suo undicesimo bersaglio stagionale. Il sigillo numero 12 potrebbe arrivare al 42’, a premiare il predominio ospite: il capocannoniere del girone riceve da Lavagnoli, si libera con una finta di Ingegneri e scarica un destro che Rossi intercetta miracolosamente all’incrocio con il guantone aperto. Una parata che vale da sola l’8 in pagella, anche perché subito dopo il portiere giallorosso è pure un mostro di reattività respingendo il tap-in di testa di Bardelloni.

Nella ripresa il Bassano conferma gli impacci dovuti al modulo inedito e la difficoltà a costruire gioco, ma pareggia il conto delle occasionissime su calcio da fermo: il colpo di testa angolato di Priola su corner di Nolè esce di un soffio. Per dare più equilibrio alla squadra, poco dopo il quarto d’ora il tecnico innesta un difensore (Bizzotto) al posto di uno spento Furlan e passa al 3-5-2. Su entrambi i fronti prevale la paura di perdere: nella mezz’ora finale l’unico reale pericolo lo crea Odogwu, incornando sul fondo un cross di Bruno.

Nella coda il veleno: veementi le proteste del Bassano al 47’ per un tocco di braccio di Vannucci al limite dell’area, ma l’arbitro non se la sente di compromettere un equo pareggio. Anche per il tecnico del Real Michele Marcolini la divisione della posta è il risultato più giusto: «Una partita piacevole, ben interpretata da due formazioni che hanno sempre giocato in maniera propositiva: il pari ci sta». Più critico, soprattutto con i suoi, l’allenatore giallorosso Tonino Asta: «A entrambe è mancata continuità nella prestazione. Nel fraseggio meglio loro, noi eravamo insolitamente lenti e abbiamo verticalizzato poco: ma il territorio deve essere contento per l’eccellente cammino di queste due squadre».

BASSANO-REAL VICENZA 1-1

BASSANO (4-2-3-1): Rossi; Toninelli, Priola, Ingegneri, Stevanin (25’ st Semenzato); Proietti, Iocolano; Furlan (17’ st Bizzotto), Nolè (38’ st Munarini), Cattaneo; Maistrello. A disp. Grandi, Zanella, Tonon, Cortesi. All. Asta.

REAL VICENZA (3-5-2): Tomei; Carlini, Solini, Piccinni; Lavagnoli, Cristini 6 (12’ st Caporali), Dalla Bona, Malagò (36’ st Chiarello), Vannucci; Bruno, Bardelloni (32’ st Odogwu). A disp. Bonato, Beccaro, Pavan, Galuppini. All. Marcolini.
ARBITRO: Marini di Roma.

MARCATORI: pt 19’ Cattaneo (B), 20’ Bruno (R.V.).

NOTE: giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni. Spettatori 1.400 circa, incasso non comunicato. Ammoniti: Stevanin (B), Dalla Bona e Piccinni (R.V.) per gioco falloso, Nolè (B) per proteste. Angoli: 4-4. Recuperi: pt 1’, st 3’.

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *