Breaking News
Pallacanestro Vicenza 2014/2015

Basket nazionale, Vicenza torna al comando in serie C

Mentre Arzignano cade ancora una volta a Desio, in serie C la Pallacanestro Vicenza si riprende la testa della classifica vincendo lo scontro diretto con Monfalcone. Bassano perde invece in casa contro Montebelluna.

Ennesimo flop del Garcia Moreno Arzignano, che perde male a Desio uno degli scontri diretti a fondo classifica. Una vittoria poteva significare infatti l’aggancio al terzultimo posto, e invece i ragazzi allenati da Venezia aggiungono questa sconfitta ai due punti persi la settimana scorsa contro Costa Volpino. Ora le due contendenti distano quattro punti, e solo lo Jadran Trieste rimane dietro ai vicentini, che vantano la peggior difesa del girone e hanno ottenuto le loro due vittorie entrambe al PalaTezze. A Desio non manca l’apporto di Zanotti (13 punti e 7 rimbalzi), e positive sono state le prove di Camata (9 punti e 7 rimbalzi) e Monzardo (12 punti e 8 rimbalzi), ma è ancora troppo poco per andare oltre l’84-59 finale, insufficiente per poter pensare alla salvezza.

Arriva il colpaccio invece in serie C, dove la Pallacanestro Vicenza sembrava aver perso il consueto smalto da prima della classe, e dopo la sconfitta in casa contro Caorle si sentiva più insicura. E invece arriva la prova di forza, per una squadra che con attenzione e cinismo si presenta in casa dell’altra corazzata del girone, portandosi subito avanti nel punteggio e gestendo i pochi punti di margine dall’inizio al 66-69 finale. Tisato (15 punti con tre bombe), Benassi (11) e capitan Bohzenski (11) hanno il tabellino migliore a fine partita, ma quella di Monfalcone è stata sicuramente una vittoria di squadra: della squadra che chiude il girone d’andata con la miglior difesa del torneo e appena due sconfitte subite. Ora finalmente arrivano le feste: si ritornerà in campo a Bolzano solo l’11 di gennaio.

Il Basket Bassano si fa sorprendere in casa dal Montebelluna, che riesce nel duplice obiettivo di agganciare i vicentini a dieci punti in classifica e di avere lo scontro diretto a favore. Un secondo quarto da incubo condanna Crosato (13 punti e 9 rimbalzi alla fine) e compagni, che scivolano addirittura sul -16. Serve allora uno sforzo extra nel terzo periodo per riavvicinarsi agli ospiti: i ragazzi di Campagnolo ci riescono, ma per tutto l’ultimo quarto tentano invano l’aggancio che potrebbe cambiare le sorti dell’incontro: si chiude sul 61-69. Oltre a Crosato e a un solido Nicola Camazzola (13), c’è un super Guisse (17 punti e 11 rimbalzi) nella serata post-natalizia che chiude il girone d’andata. La prima partita del ritorno sarà di nuovo in casa, contro quel Spilimbergo già battuto all’andata e penultimo in classifica.

R.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *