A Vicenza la Campagna “18+” per il divieto di gioco ai minori

Vicenza ospita, oggi e domani, la quarta tappa della quarta edizione della Campagna informativa “18+”, realizzata in collaborazione con il Moige (Movimento Italiano Genitori) e la Fit (Federazione Italiana Tabaccai) per illustrare gli interventi realizzati negli anni attraverso il Programma di gioco responsabile di Lottomatica, incentrati sulla prevenzione del gioco minorile, del gioco problematico e per la tutela dei giocatori contro i rischi connessi ad un approccio scorretto al gioco.

Il progetto “18+ con le regole non si gioca”, che nella scorsa edizione ha coinvolto 160 mila adulti, si presenta anche quest’anno come un vero e proprio tour, dal Nord al Sud Italia. 21 tappe che toccheranno anche città come Milano, Torino, Genova, Reggio Emilia, Firenze, Bari, Catania, con l’obiettivo di proseguire l’azione di informazione e sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema della prevenzione e del divieto di accesso ai giochi con vincita in denaro per i minori di 18 anni.

«La quarta edizione della Campagna 18+ – ha detto Fabio Cairoli, Direttore Generale di Gtech Lottomatica- vuole essere un’ulteriore testimonianza del nostro impegno sul tema del gioco responsabile e della volontà di trovare insieme soluzioni concrete e condivise per una maggiore tutela dei giocatori e dei minori, dove tutti sono chiamati a fare la loro parte sul terreno comune della legalità: concessionari, associazioni di categoria, associazioni per la tutela dei minori”.

Per l’occasione, in Piazza Castello, Lottomatica, Moige e Fit hanno realizzato uno stand all’interno del quale i visitatori possono effettuare un vero e proprio corso interattivo su pc, seguito da due test attraverso i quali è possibile valutare la conoscenza sul tema del divieto ai minori e la presenza di eventuali comportamenti problematici nei confronti del gioco da parte dei genitori.

«I minori non devono giocare – ha commentato Antonio Affinita, Direttore Generale del Moige – e i genitori devono educare i loro figli a non farlo, evitando di compiere, in loro presenza, azioni di partecipazione al gioco. I giochi con vincite in denaro sono riservati agli adulti e tutti devono fare la loro parte per impedire l’accesso ai minorenni, a partire dai rivenditori, che devono sempre verificare l’età del giocatore”.

“Quella delle tabaccherie – ha infine ricordato Giovanni Risso, presidente della Fit – è una rete controllata dallo Stato ed i tabaccai sono costantemente formati grazie a corsi certificati dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Ecco perché la Federazione Italiana Tabaccai sostiene, per il quarto anno consecutivo, la Campagna 18+”. Il tour si concluderà a Roma, a maggio 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità