Breaking News
Mozart è stato forse il più celebre enfant prodige...
Mozart è stato forse il più celebre enfant prodige...

Il Veneto lavora per valorizzare i suoi… enfants prodiges

“È molto importante far crescere bene i bambini più dotati, quelli con alto potenziale cognitivo, perché domani faranno crescere l’intera comunità. Certo, senza dimenticare coloro che sono più fragili. In tutto questo il Veneto fa scuola, con la sperimentazione portata avanti con l’università di Padova, che ora può porsi come modello nazionale, e con l’inaugurazione a Vicenza di un centro Talent Gate per il riconoscimento e la valorizzazione dei bambini dotati”.

Lo ha detto oggi a Vicenza, nella sede del Centro Produttività Veneto, l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan, intervenuta all’iniziativa che ha fatto il bilancio del secondo anno di progetto “Education to Talent”, che dal 2012 si propone di riconoscere per tempo i bambini ad alto potenziale cognitivo, fornendo al sistema scolastico e alle famiglie gli strumenti per valorizzarli adeguatamente. Nel 2013 a Vicenza sono state coinvolte anche le scuole dell’infanzia oltre a quelle primarie e secondarie di primo grado.

All’incontro hanno partecipato tutti i partner del progetto, tra i quali l’assessorato regionale all’istruzione, l’Ufficio scolastico regionale, la fondazione Centro Produttività Veneto, il dipartimento di Psicologia dello sviluppo e della socializzazione dell’università di Padova, la Ulss 16 di Padova e varie associazioni. La sfida di “Education to Talent” è di costruire una rete di scuole in grado di supportare e valorizzare i bambini più dotati o con evidenti talenti, come quelli legati alle abilità verbali, intuitive, creative e di memoria, spesso manifestate brillantemente in età molto precoce. Tuttavia, molto spesso, proprio questi bambini incontrano problemi d’integrazione nella scuola, proprio perché diversi rispetto agli altri compagni. Talvolta si sentono poco accettati dagli stessi insegnanti, che hanno difficoltà a gestire il loro diverso ritmo di apprendimento.

Ed ecco dunque le risorse, messe a disposizione dalla Regione Veneto, e finalizzate a migliorare un sistema di formazione e accompagnamento, rivolto sia al mondo della scuola che alle famiglie, in modo da riconoscere, innanzitutto, questi bambini, de prevedere per loro un processo di insegnamento personalizzato. Sono 133 i docenti formati in questo senso nell’ultimo anno,  provenienti da tutto il Veneto. Nelle province di Vicenza, Padova, Verona e Treviso sono stati coinvolti altri 92 insegnanti e avviati 35 percorsi personalizzati nelle scuole con tutor esperti in affiancamento ai docenti. A disposizione dei genitori e dei bambini anche uno sportello di prima accoglienza per colloqui esplorativi ed attività di valutazione e consulenza. In questo momento 64 i bambini che ne stanno beneficiando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *