Breaking News
La piscina coperta di Valdagno, con la sua piattaforma per i tuffi
La piscina coperta di Valdagno, con la sua piattaforma per i tuffi

Valdagno, riapre la piscina coperta. Swimming Why Not nuovo gestore

La piscina coperta di Valdagno riaprirà al pubblico. Ne dà conferma l’amministrazione comunale, assieme alla proprietà Immobili & Partecipazioni srl e al nuovo gestore, la Swimming Why Not. Lo stesso sindaco di Valdagno, Giancarlo Acerbi, non nasconde la sua soddisfazione per il positivo esito delle trattative condotte nei mesi scorsi. Con la nuova gestione torna dunque operativo un il servizio che è stato apprezzato da molti utenti provenienti da tutta la vallata dell’Agno. Rimane solo da verificare il corretto funzionamento degli impianti e produrre la documentazione relativa alle varie pratiche per la riapertura.

Dopodiché sarà possibile procedere al riempimento della vasca, che misura 25 metri di lunghezza e 12,40 metri di larghezza con una profondità variabile da 1,50 a 4,70. L’impianto è fornito anche di una piattaforma per i tuffi che fa della piscina valdagnese uno dei pochi impianti della nostra regione con queste caratteristiche.  «Siamo soddisfatti  – ha commentato primo cittadino di Valdagno – per la positiva conclusione della trattativa, che ha visto l’amministrazione comunale molto impegnata nell’individuare una soluzione che prima di tutto potesse confermare l’importante servizio per l’intera cittadinanza”.

“E’ giusto ricordare – ha poi aggiunto Acerbi – che la piscina e l’attigua palestra del Dam sono strutture private e non del Comune, e forniscono un servizio importante e attrattivo di cui Valdagno non può fare a meno. Proprio per questo da diversi mesi abbiamo seguito passo passo la questione, operando attivamente e sempre di concerto con la proprietà, per individuare nuovi gestori. Nei confronti dell’opinione pubblica la cosa non sempre è stata facile da gestire, sia per la delicatezza della trattativa, sia per il tipo di struttura, e soprattutto perché, essendo pur sempre una questione fra privati, il ruolo del Comune era giustamente limitato.

“Comunque, – e qui Acerbi conclude – l’esito finale è stato davvero positivo. Valdagno, con la riapertura di questo impianto natatorio, ritrova uno degli elementi principali per mantenere alti gli standard di servizi e di qualità della vita. Per questo desidero ringraziare tutti coloro che hanno contribuito, dalla proprietà, Immobili & Partecipazioni srl, con i rappresentanti Andrea Donà Dalle Rose e Maurizio Cornale, al nuovo gestore, la società Swimming Why Not, formata da veri appassionati che operano nel settore natatorio da più di trent’anni. Un ringraziamento inoltre va al Consiglio Comunale che, senza distinzione tra maggioranza e minoranza, si è dimostrato parte attiva nel dibattito, ed anche al mio predecessore, l’ex sindaco Alberto Neri, che mi ha dato, come sempre, una grossa mano in questa vicenda.»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *