Breaking News
Schio, monumento al Tessitore
Schio, monumento al Tessitore

Soppresso l’ufficio del Giudice di pace di Schio. Orsi: “Una batosta dallo Stato”

C’è molta amarezza a Schio per la decisione formalizzata ieri, con decreto del Ministro della Giustizia, di sopprimere l’ufficio scledense del Giudice di pace. Il sindaco, Valter Orsi, in rappresentanza per altro anche dei Comuni di Monte di Malo, Posina, San Vito di Leguzzano, Torrebelvicino, Arsiero, Velo d’Astico, Malo, Santorso e Valli del Pasubio, ha espresso “tutto il suo rammarico e sdegno. Dopo 3 anni di lotta – mette in evidenza l’amministrazione comunale – e impegno dei Comuni dell’Alto vicentino, per mantenere sul territorio i servizi per i cittadini e le imprese, anche quelli che lo Stato dovrebbe garantire, è arrivata ennesima ennesima, e questa volta inaspettata, batosta proprio da parte dello Stato”.

Per spiegare le proprie ragioni il sindaco di Schio ha incontrato quest’oggi la stampa, ripercorrendo tutti i passaggi della vicenda, che per chiarezza di lettura proponiamo in un modo schematico:

1) La Legge 14 settembre 2011, n. 148, aveva delegato il Governo ad emanare uno o più decreti legislativi per riorganizzare la distribuzione sul territorio nazionale degli uffici giudiziari, al fine di realizzare risparmi di spesa e incremento di efficienza, prevedendo, tra l’altro, la riduzione degli Uffici del Giudice di Pace dislocati in sede diversa da quella circondariale.

2) Il Decreto Legislativo 7 settembre 2012, n. 156 ha dato attuazione a quanto previsto dalla Legge 148/2011 disponendo la soppressione anche del Giudice di Pace di Schio.

3) L’art. 3 del D.Lgs. 156/2012 consentiva però agli Enti interessati di richiedere il mantenimento degli Uffici del Giudice di Pace, facendosi integralmente carico delle spese di funzionamento e di erogazione del servizio giustizia nelle relative sedi, incluse quelle relative al personale (cancelliere e impiegati).

4) Il 26 aprile di quest’anno i Comuni di Schio, Monte di Malo, Posina, San Vito di Leguzzano, Torrebelvicino, Velo d’Astico, Malo, Santorso, Valli del Pasubio e Marano Vicentino hanno, quindi, presentato domanda per mantenere questo servizio sul territorio a proprie spese.

5) Il 29 aprile il Ministro della Giustizia, con un proprio decreto, ha detto sì a questa richiesta. A maggio doveva iniziare la formazione del personale messo a disposizione dai Comuni; formazione sulla quale il Tribunale di Vicenza ha detto di soprassedere perché non in grado di organizzarla e gestirla. E la cosa si è fermata lì.

6) Con nuovo slancio tutta la questione è stata ripresa in mano dalla nuova amministrazione comunale scledense, con l’accordo dei Comuni di Monte di Malo, Posina, San Vito di Leguzzano, Torrebelvicino, Arsiero, Velo d’Astico, Malo, Santorso e Valli del Pasubio e l’impegno formale da parte di tutti ad assumersi la quota parte delle spese per il mantenimento del servizio sul territorio. A luglio i Sindaci di Schio e San Vito di Leguzzano sono andati a Roma, a relazionarsi direttamente con il Ministero della Giustizia, per essere sicuri che le cose fossero fatte per bene e in regola con quanto richiesto dalla normativa e dai decreti attuativi ministeriali; e hanno ricevuto assicurazioni in tal senso.

7) Le spese ammontano, infatti, a circa 100.000 euro l’anno e il personale, messo a disposizione dai Comuni, come richiesto dal Ministero è di tre unità: un dirigente, cui affidare il ruolo di cancelliere – Schio; due impiegati amministrativi – uno per il civile e uno per il penale – provenienti dai comuni di San Vito di Leguzzano e Malo.

“Tutto sembrava procedere per il meglio – ha sottolineato Orsi – come da accordi presi tra i Comuni e con il Ministero. Il personale comunale aveva anche già ricominciato la formazione, il 9 ottobre scorso, ed era già affiancato ai colleghi del Ministero della Giustizia, che ancora lavorano presso la sede di Schio del Giudice di pace. Tanto che il 29 ottobre la Corte d’Appello di Venezia scriveva ai sindaci: per conto dell’Onorevole Ministro della Giustizia, esprimo il vivo ringraziamento per il contributo fornito nel delineare la nuova organizzazione degli uffici del Giudice di pace, quale giustizia di prossimità che avvicina l’istituzione al cittadino”.

“Giovedì 6 novembre, – continua il sindaco nel suo racconto – la prima doccia fredda, con l’arrivo di una comunicazione dall’ufficio del Giudice di pace di Vicenza, che trasmette la circolare n. 76/2014 del Ministero della Giustizia, che gela Schio (e Asiago, altra sede per la quale si sta portando avanti un analogo progetto), in quanto dice che il personale messo a disposizione dagli Enti Locali per il mantenimento degli Uffici non inclusi nella tabella (quindi, Schio e Asiago) … dovrà rientrare all’Ente di appartenenza, con la sospensione di qualsiasi attività di formazione e affiancamento da parte degli uffici di Vicenza (Tribunale e ufficio del Giudice di pace. Stamattina la notizia che la decisione è già stata formalizzata dal Ministro della Giustizia con un decreto datato 10 novembre che dovrebbe entrare in vigore il 25 novembre”.

Le strade possibili per evitare la soppressione dell’ufficio del Giudice di Pace di Schio a questo punto suono due: una azione politica congiunta dei Comuni coinvolti ed il ricorso contro il decreto Ministeriale al Tare del Lazio entro 60 giorni. “Ci sentiamo traditi e presi in giro, – ha quindi concluso mil sindaco scledense – spremuti dalla Stato e non rispettati. In questo caso non è questione di spending review, i soldi, tutti i soldi, ce li mettevamo noi. Ci faremo sentire, la partita non si chiude qui. Il servizio è fondamentale per il territorio. Un pugno nello stomaco e un vero 8 settembre per il territorio, i cittadini e le imprese che lo vivono. Il Giudice di Pace di Schio tratta in media 2.000 pratiche all’anno, di cui la metà interessano le imprese. Se le cose rimarranno così, per fare ricorso contro una contravvenzione i cittadini dovranno andare a Vicenza, che già esplode di suo, alla faccia della giustizia di prossimità che avvicina l’istituzione al cittadino, come l’aveva definita la Corte d’Appello di Venezia, per conto dell’Onorevole Ministro della Giustizia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *