Serata a Montecchio Maggiore sulla cultura veneta in Brasile

“Cantando in Talian… Viaggio di sola andata per la Mèrica” è il titolo dell’incontro di questa sera, a Montecchio Maggiore, nella Sala Civica Corte delle Filande a partire dalle 20.30. Si tratta di una serata ad ingresso libero, allietata anche da balli e musiche di Palladio Danza con la coreografia di Paola Zamunar, durante la quale saranno presentati i due libri di Giorgia Miazzo, autrice del progetto “Cantando in Talian”. L’incontro, patrocinato dal Comune di Montecchio Maggiore, è in collaborazione con il Comitato Tradizioni Venete e sarà introdotto da Ettore Beggiato.

Layout 1Da anni Giorgia Miazzo segue con speciale interesse il fenomeno dell’emigrazione veneta in Brasile dal punto di vista culturale e linguistico, un’esperienza che l’ha portata alla definizione del progetto “Cantando in Talian”, che mira a sensibilizzare e promuovere la tutela della lingua e cultura italo-veneta in Brasile. Il prodotto di questa ricerca è rappresentato dalla pubblicazione dei due libri sui quali verterà al serata. Il primo, dal titolo “Scoprendo il talian. Viaggio di sola andata per le Mèriche”, ripercorre la storia dell’emigrazione veneta a partire dal 1870 fino ai giorni nostro, una storia che “può essere rappresentata -si legge in una presentazione – tramite il lascito dei ricordi, delle tradizioni e delle musiche. Il viaggio alla scoperta delle comunità oriunde permette di conoscere storie e racconti di vita che evidenziano il fenomeno degli usi e dei saperi veneti mediante la valorizzazione della cultura e della lingua del talian”.

Il secondo libro che si presenta è intitolato “Cantando in talian. Imparar el talian cola mùsica”. Si tratta di un progetto didattico su due livelli, nel quale si insegna il talian, idioma oriundo nato dalla fusione dei dialetti veneti, attraverso l’utilizzo della musica e la presentazione di letture sulla tradizione letteraria e focus culturali che raccontano il contesto veneto attraverso l’architettura, i paesaggi, l’enogastronomia, la cultura e le tradizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità