Breaking News
La sala Poleo a Schio

Schio, a Poleo si parla di salute femminile

Venerdì 14 novembre alle 20.30 in Sala Poleo in via Falgare 11 a Schio una serata dedicata alla salute dal titolo Salute Donna prevenire si può, percorsi di donne e uomini con patologie al seno. Relatori saranno il dottor Pietro Mainente, responsabile di senologia al Centro Donna della nuova Csa della Salute di Schio e la Dr.ssa Emilia Laugelli, psicologa del Centro Donna. Partecipano il Team del Centro Donna di Schio e l’ssociazione ANDOS Alto Vicentino. L’evento è promosso dal Comitato Salapoleo e S. Giorgio onlus.

“La serata del 14 novembre è inserita in un programma deciso dal Comitato Salapoleo e dal gruppo San Giorgio Onlus, che opera con i volontari che gravitano intorno alla parrocchia di Poleo e non solo – spiega Serena Maria Corrà dell’organizzazione – . E’ un programma rivolto a tutta la popolazione, che si articola in vari momenti nel corso dell’anno, con sostegno alle persone in difficoltà attraverso il Punto d’incontro, con corsi di formazione, serate di informazione e prevenzione alla salute, momenti culturali, ludici, ricreativi, sportivi”.

PoleoL’idea dell’incontro è nata dall’osservazione della realtà. “Sono infermiera di un gruppo di medici di base e ho notato che c’era del vago sulle informazioni date e percepite dalle donne riguardo alla patologia al seno e al percorso al Centro Donna, così, parlandone con una collega del Centro, sono partita contattando anche l’associazione ANDOS (associazione nazionale donne operate seno) la cui presidente dovrebbe portare la sua esperienza venerdì sera, poi ho contattato anche la LILT (lega italiana per la lotta contro i tumori) che dovrebbe anche partecipare alla serata”.

L’incontro è rivolto a tutte le donne, ma anche agli uomini, visto che i tumori al seno non risparmiano neanche loro, anche se in misura molto ridotta rispetto alle donne. Si parlera’ dell’aumento dell’incidenza e dell’abbassamento dell’età di insorgenza dei tumori al seno, di come funziona il Centro di Schio, di come viene presa in carico la donna dalla prima visita senologica e condotta, anche fisicamente, nel suo percorso coinvolgendo collegialmente altri specialisti senza che la donna si debba preoccupare di questo, ascoltata e aiutata dalle infermiere, assistita dalla figura della psicologa del Centro, dalla fisioterapista, dalla fisiatra per la riabilitazione. Importante sarà la parte rivolta alla prevenzione: autoesame, screening, stile di vita, alimentazione e altro.

Nel Centro Donna dell’ex Ospedale di Schio è presente l’ambulatorio senologico e fisiatrico, la psicologa e l’associazione di volontariato ANDOS. Inoltre è presente l’ambulatorio di screening citologico (Pap Test). L’attività senologica viene supportata da un team multidisciplinare di specialisti (chirurgo, radiologo, oncologo, anatomo-patologo) che discutono i casi clinici e concordano nell’iter terapeutico più idoneo per ogni paziente. Altri specialisti come il medico nucleare e il chirurgo plastico intervengono secondo necessità. Le donne che necessitano di intervento chirurgico vengono prese in carico dal Centro Donna, dove  eseguono gli accertamenti preoperatori, vengono accompagnate al ricovero nell’Ospedale di Santorso per l’intervento, e poi vengono riprese in carico per le medicazioni postoperatorie e per tutto l’iter che segue l’intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *