Creazzo, interrogazione del M5S sulla pulizia dei fossati

La riqualificazione e la pulizia dei fossati e la questione della trasparenza dell’attività comunale, sono questi i due temi al centro di due iniziative consiliari del gruppo del Movimento 5 Stelle di Creazzo. Si tratta di una interrogazione e di una mozione. Per quanto riguarda la prima, il gruppo 5 stelle pone all’attenzione del Consiglio comunale un tema particolarmente sentito in periodi in cui in dissesto idrogeologico del nostro territorio si mostra con tanta evidenza. Sistemare e pulire i fossati potrebbe sembrare poca cosa rispetto alle colate di cemento e ai mutamenti climatici che hanno causato il problema, ma non è in realtà così. Fossati puliti possono contribuire in mode sostanziale ad evitare, talvolta, gli allagamenti.

Ed è così che i consiglieri pentastellati chiedono al sindaco e all’assessore competente “se i fossati ricadenti nelle proprietà private del Comune di Creazzo rispondono alle caratteristiche previste della normativa comunale e se in tal senso è stato effettuato un monitoraggio con eventuali segnalazioni di inadempienza ai proprietari dei fondi”.

Ma non è tutto. La Regione Veneto infatti finanzierà accordi di programma tra i Consorzi di bonifica e i comuni del Veneto per la pulitura dei fossati, e il gruppo consiliare chiede di sapere se Creazzo ha richiesto quei finanziamenti.

“La richiesta di finanziamento, – ricordano i 5 stelle – scaduta qualche giorno fa, era rivolta ai Comuni con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti che abbiano adottato un Regolamento di Polizia rurale, e il Comune di Creazzo ha un regolamento comunale per l’utilizzo dei parchi e delle aree verdi comunali dove viene richiamata la voce argini e fossati non di proprietà consortile; e dove si delineano anche forme sanzionatorie per le eventuali inadempienze. Speriamo di cuore – concludono – che il nostro Comune non si sia fatto scappare questa occasione. Sarebbe un vero peccato, per tutta la collettività”.

Quanto alla mozione sulla trasparenza online, il Movimento 5 stelle riapre una questione sulla quale era già intervenuto in passato, rilevando come il sito del Comune non fosse adeguato alle necessità ed ai tempi. In particolare, nella mozione si chiede adesso  che “nel sito web del Comune siano inseriti tutti i dati richiesti per il rispetto del Decreto Legislativo 33 del 14 marzo 2013 sul Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”.

L’iniziativa dei 5 stelle di Creazzo è nata dal fatto che, “nei giorni scorsi, sul sito del Governo Italiano il Comune di Creazzo è stato monitorato con questo risultato: Numero indicatori soddisfatti: Nessuno su 66″. Dando atto all’amministrazione comunale di aver previsto sul sito una sezione intitolata Amministrazione trasparente, il gruppo consiliare mette in evidenza che “la sezione appare insufficiente e non conforme alle norme”.

“E’ necessario – conclude la mozione – applicare per esteso il citato decreto legge, in particolare pubblicando i curricula formativi e professionali del sindaco e degli assessori; gli stipendi di sindaco e degli assessori e dei consiglieri, il costo dei versamenti previdenziali e di altra natura, l’elenco dei rimborsi e dei benefit, le consulenze attive, ove ve ne fossero, e gli esiti delle consulenze terminate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità