Breaking News

Bassano, sgominata gang che terrorizzava i ragazzi

Terrorizzavano gli adolescenti bassanesi e, la cosa grave, è che si trattava di una gang composta da giovanissimi. La banda che spadroneggiava a Bassano del Grappa è stata sgominata dai carabinieri che hanno eseguito tre arresti e denunciato sei persone a piede libero. In questo caso non si trattava di semplici bulli ma di una sorta di organizzazione criminale che, come detto, terrorizzava i minorenni bassanesi con furti, estorsioni, rapine e intimidazioni, anche pesanti.

Dopo lunghe indagini i militari sono riusciti a risalire ai presunti responsabili, ai quali hanno contestato tre rapine, due estorsioni e due furti di biciclette. A finire in manette sono stati Abel David Mercado Santos, 20enne dominicano residente in città, il coetaneo senegalese Mamadou Ly, che abita a Tezze sul Brenta, e il 18enne bassanese Antonio Buonocore. I primi due sono volti noti alle forze dell’ordine, mentre il terzo è incensurato.

Le prime denunce ai carabinieri sono arrivate nello scorso mese di luglio, dopo un’aggressione subita da due studenti in centro. La banda però non colpiva solo a Bassano. In agosto infatti, a Valstagna, un 16enne era stato sorpreso alle spalle, immobilizzato, preso a calci e pugni e derubato del cellulare e di pochi euro. Un altro episodio è successo li 24 settembre. In quel caso alla stazione ferroviaria di Bassano un 16enne era stato rapinato di fronte agli amici. Un testimone del fatto, dieci giorni dopo, a Schiavon, è stato afferrato per i capelli, costretto a inginocchiarsi e picchiato sotto la minaccia di un coltello. Probabilmente ci sono stati anche altri episodi simili, rimasti però sconosciuti, coperti dal silenzio per paura di ritorsioni e vendette.

Sul buon esito della lunga e complessa operazione dei carabinieri, si è voluto esprimere anche il sindaco di Bassano, Riccardo Poletto. “A conclusione di questa operazione – scrive il sindaco in una nota in proposito – lunga e complessa, svolta nella massima riservatezza, che ha portato all’arresto dei componenti della banda che creava estremo disagio tra i giovani della nostra città, esprimo il mio plauso e mi congratulo con il comandante della Compagnia dei carabinieri di Bassano, capitano Mario Rocco, con il luogotenente comandante della stazione, Antonio Bellanova, e con tutti i carabinieri per il loro impegno, la professionalità e la capacità di conseguire un obiettivo che per la nostra città era molto importante. La qualità della vita dei giovani bassanesi e della collettività in genere era stata compromessa in più episodi dai comportamenti minacciosi e pericolosi di questa banda, che intimidiva i ragazzi e li ricattava fino al punto da costringerli a non uscire più di casa per timore delle minacce subite”.

“Se è intollerabile ogni forma di violenza e di delinquenza, – conclude Poletto – lo è soprattutto quella che non si limita a privare le persone dei loro oggetti, ma della loro serenità, facendoli vivere nella preoccupazione e nell’insicurezza a casa propria o nella propria città. Ritengo quindi che l’operazione svolta e conclusa con successo sia un importante segnale per tutti i malfattori: a Bassano l’attenzione alla sicurezza è molto alta e le Forze dell’Ordine hanno tutto il nostro supporto e la nostra collaborazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *