Sport

Il Vicenza torna a sorridere, Pescara battuto

Venerdì 17 non ha portato sfortuna al Vicenza, anzi, al contrario ha portato fortuna regalando tre punti importantissimi per la classifica e per il morale. Una prodezza di Cocco e il rigore di Di Gennaro portano la vittoria che tutti aspettavano da tempo e Lopez può essere soddisfatto dei suoi ragazzi. Il tecnico biancorosso ha dovuto fare i conti con la squalifica di Gentile, al suo posto è sceso in campo Figliomeni, in attacco la coppia Cocco  – Ragusa ha fatto bene. La scelta di far giocare Di Gennaro a ridosso delle punte si è rivelata vincente rendendo il gioco offensivo più concreto. Il Pescara ha giocato una buona partita ma è stato condizionato dall’espulsione.

I primi quindici minuti non regalano emozioni, le squadre si studiano e il gol sembra l’ultimo dei loro pensieri. Il primo guizzo biancorosso si ha al 37′: Laverone crossa a centro area, Cocco c’è e con una splendida conclusione di destro al volo mette la palla in rete. Al 41′ il Pescara può segnare il gol del pareggio dopo una deviazione di Garcia che sfiora il palo. Nella prima frazione di gioco gli ospiti non sono stati incisivi, i padroni di casa hanno fatto qualcosa in più.

Il secondo tempo è più ricco di emozioni e vede ghiotte occasioni per entrambe le squadre. Al 52′ l’arbitro annulla un gol al Pescara per fuorigioco di Melchiorri. Due minuti dopo il Vicenza spreca una grande opportunità con Di Gennaro che spedisce il pallone a fil di palo, complice una deviazione. Al 56′ c’è un gol annullato anche per i biancorossi: Cocco mette la palla in rete ma lo fa con la mano. Al 60′ Ragusa attraversa quasi tutto il campo con la palla al piede ma purtroppo non riesce a concretizzare la splendida giocata e il tiro si spegne sopra la traversa. Al 63′ sono ancora i padroni di casa a impensierire il portiere avversario: Cinelli pennella un cross dalla sinistra per la testa di Cocco bravo ad anticipare i difensori ma la palla finisce a lato. La partita prende tutta un’altra piega al 64′ quando l’arbitro estrae il rosso per Zuparic: secondo il direttore di gara si tratta di un fallo da ultimo uomo, ma Ragusa inciampa da solo e non c’è alcun contatto. Il Pescara soffre in dieci uomini e un’altra pesante tegola arriva al 74′ quando viene fischiato un rigore per il Vicenza: sul dischetto si presenta Di Gennaro che batte Aresti. Biancorossi in vantaggio di due gol, ma la situazione cambia subito: al 78′ Camisa atterra Melchiorri in area e l’arbitro assegna il calcio di rigore. Dagli undici metri parte Maniero, entrato da poco, e non sbaglia. La squadra di Lopez prova a sfruttare la superiorità numerica, all’80’ Laverone colpisce la traversa con un tiro potente e la palla ritorna in campo ma senza far ripartire altre occasioni. Nei minuti finali il Pescara protesta per un fallo di Di Gennaro su Melchiorri al limite dell’area, l’arbitro fa proseguire. Al Menti cala il sipario: il Vicenza porta a casa tre punti battendo un buon Pescara penalizzato dall’espulsione.

Lopez può essere soddisfatto della sua squadra anche se poteva concedere molto meno agli avversari dopo essere passata in vantaggio di due gol. Gli ospiti tornano a casa con diverse recriminazioni nei confronti dell’arbitro, reo a loro dire di aver valutato male certi episodi.

Vicenza 2 – Pescara 1

VICENZA (3-4-1-2): Bremec; Camisa, Figliomeni, Garcia; Laverone, Sbrissa (Sciacca), Cinelli, Sampirisi (Brighenti); Di Gennaro; Ragusa, Cocco. All. Lopez

PESCARA (4-3-3): Aresti; Pucino, Zuparic, Cosic, Zampano; Guana (Salamon), Appelt, Bjarnason (Lazzari); Politano, Melchiorri, Pasquato (Maniero). All. Baroni

Marcatori: Cocco (V), Di Gennaro rig. (V), Maniero rig. (P)

Ammoniti: Cocco (V), Figliomeni (V), Laverone (V), Pucino (P), Cinelli (V), Lazzari (P)

Espulsi: Zuparic

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna

Monica Zoppelletto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button