Breaking News

Il Vicenza affonda a Catania. Finisce 3 a 1

Trasferta amara per il Vicenza che torna da Catania con una pesante sconfitta. I biancorossi, costretti a giocare in dieci per l’espulsione di Sciacca dopo un minuto dall’entrata in campo, incassano tre gol e riescono a segnarne solo uno. È stato un sabato pomeriggio stregato per la squadra di Lopez: due infortuni, un cartellino rosso e poca concretezza in attacco.

Il primo squillo alla partita lo dà il Vicenza al 5′ con un tiro da fuori area di Cocco che Frison è bravo a respingere. Dopo questa occasione la gara va avanti senza particolari occasioni, le due squadre stanno attraversando una fase di studio reciproco nel tentativo di trovare qualche spazio nella difesa avversaria. Il possesso palla lo fa il Vicenza mentre il Catania è più aggressivo. Al 23′ arriva una brutta notizia per gli ospiti: Ragusa si fa male al ginocchio e rimane in campo zoppicando ma alla fine è costretto ad alzare bandiera bianca. Al 32′ altra occasione per il Vicenza con Cocco: l’attaccante calcia di potenza e sfiora la traversa. Al 42′ i padroni di casa impensieriscono Bremec che su un’uscita imprecisa favorisce gli avversari non bravi a concretizzare. Al 45′ punizione per i rossoblu: Calaiò calcia nell’angolino alto e Bremec è bravo a respingere. Primo tempo noioso che ha visto due occasioni da gol per i biancorossi e una per i padroni di casa.

Il secondo tempo si apre subito male per la squadra di Lopez: al 48′ Calaiò in rovesciata offre un assist perfetto a Cani che non deve fare altro che appoggiare in rete. Le cose per il Vicenza si mettono sempre peggio e dopo il gol al 54′ arriva il cartellino rosso per Sciacca, entrato da un minuto, che atterra Martinho. L’arbitro non ha dubbi e assegna il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Rosina che batte il rigore in maniera pessima e Bremec non ha nessuna difficoltà a parare. L’inferiorità numerica si fa sentire e il Vicenza soffre la pressione del Catania. Le occasioni per la squadra si Sannino non mancano: al 65′ Martinho fa partire un tiro che sfiora il palo, un minuto più tardi Monzon tira col sinistro ma la palla finisce di poco alta. Monzon ci riprova al 71′ con un sinistro dalla distanza parato senza difficoltà da Bremec. Per il Vicenza è proprio una giornata storta: si infortuna anche Cocco e all’80’ Figliomeni atterra Rosina in area. Anche stavolta l’arbitro decide per il rigore. Dagli undici metri parte Calaiò: tiro di sinistro e portiere spiazzato. Ora per Lopez, sotto di due gol e con un uomo in meno, la gara si fa davvero dura. Il tris del Catania arriva all’88: Martinho viene lanciato a rete da Rosina che con un bel dribbling scarta l’estremo difensore biancorosso e mette gonfia la rete. Il gol della bandiera biancorossa arriva al 90′ con un colpo di testa di Pol Garcia.

Al termine di questi novanta minuti il Vicenza esce dal Massimino sconfitto da una Catania che si è dimostrato superiore e più concreto anche se giocare in dieci uomini non è mai facile.

Catania 3 – Vicenza 1

CATANIA (4-4-2): Frison; Monzon, Sauro, Capuano, Peruzzi; Rosina, Escalante (Jankovic), Rinaudo, Martinho; Calaiò, Cani (Marcelinho). All. Sannino

VICENZA (3-5-2): Bremec; Gentili, Figliomeni, Pol Garcia; Laverone, Cinelli, Di Gennaro, Sciacca (Sbrissa), Sampirisi; Ragusa (Lores), Cocco (Spiridonovic). All. Lopez

Marcatori: Cani (C), Calaiò rig. (C), Martinho (C), Pol Garcia (V)

Ammoniti: Cani (C), Cinelli (V)

Espulsi: Sbrissa (V)

Arbitro: Ivano Pezzuto di Lecce

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *