Breaking News
L’entrata di Vittorio Emanuele II a Venezia, il 7 novembre 1866, in un quadro dell’epoca di autore anonimo
L’entrata di Vittorio Emanuele II a Venezia, il 7 novembre 1866, in un quadro dell’epoca di autore anonimo

Schio, un incontro per rileggere la storia del plebiscito del 1866

Non è un anniversario speciale, come lo sarà ad esempio il 150°, tra due anni, ma è pur sempre una data da ricordare. Parliamo del plebiscito con il quale, nell’ottobre di 148 anni fa, il Veneto entrava a far parte del Regno d’Italia. Lo storico evento, consumatosi nei giorni 21 e 22 ottobre 1866, sancì dunuque l’annessione della nostra regione allo stato unitario, nato pochi anni prima sotto la corona sabauda, e la storia ufficiale ne parla come l’espressione dell’unanime volontà popolare.

Ettore Beggiato
Ettore Beggiato

Di buono ci fu certamente il fatto che con esso finì ogni dominazione austriaca sul Veneto, ma da tempo alcuni si chiedono se fu davvero una sorta di pronunciamento o se fu invece una sorta di forzatura, praticamente una truffa. E’ questa l’altra versione del plebiscito che verrà illustrata domani, mercoledì 22 ottobre, a Schio, a Palazzo Toaldi Capra, in un incontro che vedrà come protagonista Ettore Beggiato. Titolo della serata, che inizierà alla 21, è “1866. Come il Veneto fu annesso al Regno d’ Italia”.

E’ questo un tema sul quale Beggiato ha anche pubblicato un saggio e, partendo proprio dallo studio esposto nel suo libro egli ricorderà come in Veneto in quei giorni si svolse una consultazione, una sorta di referendum, che culminò con la vox populi favorevole all’annessione del Veneto al Regno dei Savoia. Ma la lettura che lo scrittore propone dell’avvenimento storico è diversa.

Visto l’analfabetismo diffuso dei veneti e data la forte e profonda povertà dell’epoca, il referendum, secondo l’autore, più che una espressione libera di volontà e consenso sarebbe stato “una captazione manipolatoria di persone ingenue e non in grado di capire bene il quesito che veniva posto”.

Inoltre, sempre secondo Beggiato, pare che fosse stato già tutto deciso attraverso alleanze e trattative tra i potenti dell’epoca. Insomma una versione contraria alla storiografia ufficiale che vale comunque la pena conoscere. L’incontro è organizzato dal Comune di Schio e l’ingresso è libero. Per info: cultura@comune.schio.vi.it;  telefono 0445.691406.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *