domenica , 18 Aprile 2021

Lonigo, da oggi la campagna abbonamenti per la nuova stagione teatrale

“Il teatro è il luogo dei sentimenti, non solo per gli attori sul palco, ma anche per gli spettatori seduti in poltrona. E non solo, ci sono anche le tante persone che a vario titolo animano un teatro, e che permettono alle emozioni di prendere corpo in palcoscenico”. Con queste parole Carlo Mangolini, direttore ertistico del Teatro Comunale di Lonigo, introduce la nuova stagione teatrale che è stata presentata nei giorni scorsi e che prenderà il via in novembre.

Quello la cui campagna di abbonamenti si apre oggi, 6 ottobre, sarà un cartellone di otto spettacoli in abonamento (più altre serate speciali) creato apposta per suscitare le emozioni in uno dei luoghi di spettacolo più suggestivi del Veneto, depositario di oltre 120 di memorie che, per rimanere in tema, adotta lo slogan Il Teatro dei Sentimenti abita qui. Una programmazione creata per soddisfare i gusti più diversi: non solo teatro, con i tradizionali appuntamenti in abbonamento, ma anche operetta, danza, musica e ancora prosa grazie agli altri allestimenti in cartellone. Completano il programma cinque nuovi appuntamenti con il teatro dedicato alle famiglie della rassegna A teatro con mamma e papà (da novembre a marzo) e altrettanti spettacoli riservati alle scuole con La Scuola va a teatro, rassegne realizzate in collaborazione con La Piccionaia/Teatro Stabile di Innovazione di Vicenza.

L’inaugurazione della stagione sarà affidata il 28 novembre alle Sorelle Marinetti che, insieme a Gianni Fantoni, presenteranno la commedia musicale Risate sotto le bombe, omaggio allo spettacolo-rivista degli anni Trenta e Quaranta. Il 13 dicembre Enzo Iacchetti renderà omaggio a Giorgio Gaber con Chiedo scusa al Signor Gaber in cui l’attore onorerà la memoria del cantautore accompagnato dalla Witz Orchestra e dal pianista Marcello Franzoso, eseguendo alcuni brani riarrangiati e monologhi su temi di attualità sociale.

Ad intervallare questi primi due appuntamenti della stagione, altrettante serate di coinvolgimento spettacolare: il 22 novembre la settima edizione del Festival del Fantastico di Bagnolo Arte, evento biennale tra i più interessanti ed originali del settore che, presentato a Lonigo in esclusiva nazionale, vedrà alternarsi sul palcoscenico prestigiose attrazioni internazionali provenienti dai più celebri music hall, e il 6 dicembre il balletto della Compagnia Nazionale Raffaele Paganini in Lo Schiaccianoci su musica di Ciajkovskj e coreografia di Luigi Martelletta.

Natalino Balasso
Natalino Balasso

La stagione proseguirà nel 2015 con Natalino Balasso, che proporrà il nuovo monologo Velodimaya in due date, il 10 e l’11 gennaio. Lo spettacolo incarna alla perfezione la metamorfosi dell’attore veneto che, partito da secondari ruoli di comicità superficiale, è approdato oggi ad un teatro di impegno sociale. Velodimaya – espressione mutuata dalla filosofia induista, che significa più o meno il velo di apparenza che spesso nasconde la vera realtà delle cose – parte da due discorsi pubblici: il primo è il discorso che Colin Powell fece nella sede dell’Onu quando dichiarò che c’erano le prove delle armi chimiche in Iraq. Il secondo è il discorso che il presidente dell’Uruguay Pepe Mujica ha pronunciato anni dopo, in occasione di un simposio mondiale sull’ambiente e sullo sviluppo sostenibile. Nel mezzo c’è la vita del personaggio, un uomo perso in una stazione, che non sa se partire o restare, che non trova l’uscita, che rappresenta la metafora di ciò che siamo, come in un giallo in cui dobbiamo improvvisarci detective per indagare con pochissime prove a disposizione. C’è qualcosa di peggiore delle menzogne: sono le false verità.

Vanessa Incontrada
Vanessa Incontrada

Ancora ironia, ma più amara, sarà quella proposta il 31 gennaio da Tullio Solenghi in Amadeus di Peter Shaffer, pièce teatrale da cui è stato tratto anche l’omonimo film diretto negli anni ’80 da Milos Forman, sulla nota rivalià tra i due geni della musica, l’austriaco Wolfgang Amadeus Mozart e il veronese Antonio Salieri, sfociata poi in dramma. L’affascinante Vanessa Incontrada sarà la protagonista l’8 febbraio di Mi piaci perchè sei così, commedia degli equivoci all’interno di una coppia moderna. Il 27 febbraio Monica Guerritore e Carolina Crescentini saranno le interpreti di Qualcosa rimane, scritta dal Premio Pulitzer Donald Margulies e incentrata sulle interpreti impegnate in uno scontro generazionale. Un testo teatrale che ha già conquistato le platee americane e che arriva in Italia diretto dal regista cinematografico Giorgio Diritti.

L’interpretazione al maschile tornerà il 24 marzo con Alessandro Preziosi, apprezzato attore di cinema e teatro, in una originale riscrittura del Don Giovanni che, oltre al più conosciuto Molière, si ispira anche a quelli di Puskin e Da Ponte, dando vita ad un personaggio ricco di differenti tonalità, funambolo e trasformista. Ancora si parlerà d’amore nell’ultimo appuntamento della stagione, l’11 aprile, con Gli Innamorati di Carlo Goldoni, portato in scena da un gruppo di giovani artisti – Giacomo Rossetto e Teatro Bresci – che provano a dare nuova linfa vitale ad un classico senza tempo.

Gli altri appuntamenti fuori abbonamento saranno il 13 marzo con Paolo Rossi (L’importante è non cadere dal palco); il 28 marzo con l’Operetta La vedova allegra di Victor Léon e Léon Stein con l’ Orchestra dal vivo Cantieri d’Arte; il 15 aprile un omaggio al Centenario della GRande Guera con Lettere dal Fronte 1915 – 1918, con il Teatro Stabile di Verona e letture di Paolo Valerio e Michele Ghionna; il 18 aprile Serata Beethoven, un concerto dell’Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Romolo Gessi e accompagnata al pianoforte dal musicista vicentino Antonio Camponogara. Ad arricchire la proposta, ritorneranno anche le cene del dopo-spettacolo con Il Teatro dei Sapori, realizzate in collaborazione con la Scuola di Ristorazione Dieffe, e l’atteso nuovo percorso di Laboratorio Teatrale Permanente affidato, per il secondo anno consecutivo, all’innovativa creatività dei Fratelli Marta e Diego Dalla Via, questa stagione ispirata alla satira di Sturmtruppen. I singoli biglietti sono in vendita dal 17 novembre. Per informazioni: 0444 835010.

Alessandro Scandale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità