Breaking News

Il museo di Bassano restituisce le opere trafugate a Palermo

Il museo civico di Bassano del Grappa riconsegna alla Sopraintendenza per i Beni Storici Artistici e Etnoantropologici di Palermo le nove pregiate sculture lignee del Seicento trafugate nel capoluogo siciliano negli anni Ottanta. Dal 2009, subito dopo il sequestro, ad oggi i pannelli lignei sono stati esposti al museo civico, prima nella sala Seicento e Settecento e da ultimo nella nascente sezione dedicata alla storia cittadina.

scultura-lignea-bassano-palermoA ritrovare i pannelli raffiguranti scene tratte dal Vecchio e Nuovo Testamento, risalenti alla seconda metà del diciassettesimo secolo, opera dello scultore Pietro Marabitti su disegni dell’architetto Paolo Amato, sono stati i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Venezia. I preziosi pannelli erano collocati all’interno della chiesa di San Sebastiano, nel centro di Palermo ed erano stati commissionati dall’ordine dei Gesuiti di Palermo. I carabinieri hanno rinvenuto otto pannelli da un antiquario trevigiano e uno da un collezionista milanese che aveva pagato l’opera decine di migliaia di euro.

Il recupero è stato possibile attraverso il riscontro nella banca dati delle opere d’arte illecitamente sottratte, il più grande data base al mondo dedicato a questa tipologia di oggetti gestito dai carabinieri del Nucelo tutela patrimonio culturale. Oggi le pregiate sculture lignee sono tornate in Sicilia.

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *