Breaking News

Cronaca flash

Vicenza, controlli nell’area di Campo Marzo portano a tre denunce –

Le zone di Vicenza circostanti l’area di Campo Marzo sono a rischio degrado e la cosa è ben nota, anche per questo i controlli delle forze dell’ordine non si fermano, anzi, giornalmente vengono effettuati servizi per cercare di fermare i reati predatori. Giovedì pomeriggio in Campo Marzo e viale Eretenio i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno denunciato tre nigeriani, tutti con precedenti. Un 29enne è stato denunciato per detenzione illegale di oggetti atti a offendere in quanto, a seguito di una perquisizione, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico di 15 centimetri. Un 33enne è stato trovato con sei grammi di marijuana e 85 euro in contanti, proventi di spaccio, e un telefono cellulare LG, per lui è scattata la denuncia per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Per lo stesso motivo è stato denunciato il terzo nigeriano, un 27enne, trovato in possesso di 21 grammi di marijuana e 130 euro derivanti dall’attività di spaccio. Alla Prefettura, sempre nella giornata di ieri e sempre a causa dei controlli mirati, un 36enne liberiano, con precedenti, perché trovato con tre grammi di marijuana.

Valdagno, aggredisce clienti e titolari di due bar

Ha aggredito il titolare del bar “Le Barrique” di via Marconi a Valdagno, tre clienti che avevano un cane e ha spaccato la vetrina e gli arredamenti del locale. I carabinieri hanno denunciato per danneggiamento, aggressioni, lesioni, percosse, molestie, minacce gravi e maltrattamento di animali un francese di 33 anni residente a Valdagno, con precedenti. L’uomo lo scorso 12 ottobre aveva molestato la clientela del bar “Roma” in via Garibaldi a Valdagno e dopo aver minacciato e percosso il gestore del locale si è diretto al bar “Le Barrique” dove ha proseguito aggredito altre persone. La denuncia è arrivata stamattina alla conclusione delle indagine che hanno permesso di identificare il 33enne come l’autore del gesto. Le quattro persone aggredite sono state portate all’ospedale di Valdagno. A una di loro è stata riscontrata una contusione allo zigomo e all’arcata sovraorbitaria sinistra e una contusione al collo con una prognosi di otto giorni. A un’altra è stata diagnosticata un’epigastralgia dopo un pugno allo stomaco con una prognosi di tre giorni. una prognosi di otto giorni è stata data al soggetto che ha riportato un trauma cranico non commotivo e una contusione all’emitorace sinistro e del gomito ed escoriazioni multiple. La quarta persona aggredita ha subito un trauma cranico non commotivo, la distrazione del rachide cervicale e della spalla destra, per lei una prognosi di otto giorni.

Vicenza, coppia aggredita

Un’aggressione che non per la modalità in cui è avvenuta non convince i poliziotti. L’episodio è avvenuto alle 21 di ieri davanti al supermercato Eurospar in viale Roma. Una coppia, lui italiano di 31 anni con precedenti, lei marocchina 29enne con precedenti stava passeggiando lungo la strada quando sono stati avvicinati da un individuo che ha strappato la borsa alla donna. Il 31enne ha reagito bloccando il ladro che nel frattempo era stato raggiunto da altri due amici tunisini che hanno iniziato a prendere a calci e pugni la coppia. Nelle vicinanze c’è il bar Moresco che ieri sera proponeva una serata brasiliana che ha attirato molta gente ma nessuno si è accorto della rissa a pochi passi. Il 113 è stato chiamato dal 118 dopo che la coppia si è recata al pronto soccorso con la propria auto. All’uomo è stata data una prognosi di 14 giorni mentre la donna ha rifiutato le cure. I due hanno riferito ai poliziotti che non ci sono stati testimoni e ora resta da capire se effettivamente l’aggressione sia avvenuta proprio in quel posto e per quali motivi.

Vicenza, Parco Città, donna mostra seno e deruba gli uomini

Da un po’ di tempo a Parco Città una donna di circa 25 anni aspetta gli uomini di una certa età che escono dal centro commerciale, mostra il seno e mentre loro sono intenti a guardare con una mossa repentina ruba il portafoglio e fugge. L’ultimo episodio è accaduto alle 11 di ieri quando un poliziotto di quartiere ha assisto al fatto e avvertito la sala operativa della Questura. Un commerciante ha riferito che episodi di quel tipo non sono nuovi. Il metodo è sempre lo stesso: la ragazza sceglie le sue vittime tra gli uomini di una certa età che escono dal supermercato o altri negozi, li aspetta fuori, si avvicina e mostra il seno. Naturalmente il malcapitato di turno rimane immobile a guardare e lei ne approfitta per derubarlo. Tutto succede in poco tempo e la donna riesce a fuggire insieme a un uomo, probabilmente suo complice.

Marostica, rubano oggetti dentro un’auto. Arrestati

Sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso Giancarlo Dori di 49anni e Lisa Eva Gastaldon, 41 anni, residenti in via Monsignor Onisto a Vicenza. I due, secondo l’accusa, avrebbero rubato dei vestiti e delle scarpe da bambino all’interno di un’auto parcheggiata in via Rimembranza a Marostica. A chiamare i carabinieri è stato un testimone ieri verso le 19.30, dopo aver visto due soggetti a bordo di un’Audi aggirarsi nel parcheggio in modo sospetto. Una volta scesi dalla vettura i due avrebbero guardato le macchine in sosta e puntato una Fiat Panda che avrebbero aperto con un grimaldello per frugarne all’interno e rubare una scatola bianca che conteneva la refurtiva restituita poi ai legittimi proprietari. I carabinieri hanno sequestrato gli arnesi da scasso in possesso della coppia. Dori e Gastaldon hanno ora l’obbligo di dimora.

Schio, calci e pugni per un telefono

Ha dato calci e pugni a un coetaneo per prendergli il cellulare ed è stata denunciata. L’episodio è avvenuto nella tarda serata di ieri nel locale “Mary’s” di via Compagni a Schio. Una 20enne marocchina residente nella città scledense dopo un violento litigio ha aggredito in modo molto pesante un 19enne di Cogollo del Cengio prendendolo a calci e pugni per poi prendergli il cellulare: un Samsung Galaxy. Il ragazzo è stato portato al pronto soccorso di Santorso dove gli è stato riscontrato un trauma superficiale multiplo con una prognosi di sette giorni.

Valdagno, pistola, lampeggiante e paletta in auto. Due giovani nei guai

In auto tenevano una paletta segnaletica con adesivo rosso, un girofaro lampeggiante blu con ventosa, un paio di manette, una pistola ad aria compressa Duty One calibro 4,5 mm, priva di tappo rosso e un contenitore con cento pallini. Ad essere denunciati per possesso di segni distintivi contraffatti sono stati un 23enne e un 24enne di Arzignano, quest’ultimo con precedenti per reati contro la persona. I due sono stati scoperti con gli oggetti dai carabinieri di Valdagno a seguito di alcuni controlli stradali. Le perquisizioni effettuate nelle abitazioni dei due soggetti hanno dato esito negative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *