Sport

Un Vicenza (rin)Vigorito pareggia in dieci uomini contro il Latina

Espulsione, rigore parato, pareggio portato a casa. Si può riassumere così la partita tra Vicenza e Latina. È un punto importante quello portato a casa dai bianorossi nonostante abbiano giocato tutta la partita di dieci uomini a causa dell’espulsione di Bremec dopo soli nove minuti. Una sorpresa molto positiva è stata la prestazione del secondo portiere Vigorito che, non solo ha parato un rigore, ma ha fatto molte parate decisive, permettendo alla squadra di non subire gol in una situazione di inferiorità numerica

Il Vicenza prova a rendersi pericoloso dopo soli cinque minuti con un cross dalla sinistra di D’Elia che però non trova nessuno in area. Poi è subito il Latina a prendere in mano la gara con Bruno e Paolucci e poi con Crimi che serve un cross sulla testa di Pettinari che finisce sul fondo. Al nono minuto Bremec sbaglia completamente l’uscita su Paolucci commettendo fallo da ultimo uomo, l’arbitro non ha dubbi: cartellino rosso per l’estremo difensore biancorosso e calcio di rigore per la squadra ospite. Mister Praticò, in panchina al posto dello squalificato Lopez, decide di sacrificare Spiridonovic togliendolo dal campo. Sul dischetto si presenta Paolucci, ma Vigorito para con i piedi un rigore calciato centrale e basso. La formazione romana però non si perde d’animo e ci riprova, sfruttando la superiorità numerica, con un tiro da fuori di Crimi che Paolucci devia in porta senza però aver fatto i conti con Vigorito che con un colpo di reni mette la palla in calcio d’angolo suscitando molta approvazione dei tifosi presenti.

Il Vicenza sembra soffrire l’inferiorità numerica ed è ancora il Latina a presentarsi davanti la porta di Vigorito prima con Rossi e poi con Crimi. L’assedio della squadra ospite non si placa e Angelo ci prova in due occasioni. I biancorossi si limitano alle ripartenze e rimangono chiusi in difesa lasciando fare la partita agli avversari. Protagonista nel primo tempo è Vigorito che, oltre ad aver parato il rigore e respinto parecchi tiri, respinge un colpo di testa di Cottafava e mette sopra la traversa un tiro da fuori di Dellafiore. Il Latina spreca altre occasioni con Paolucci e Valiani. La squadra ospite fa un pressing continuo e il Vicenza fa fatica a mantenere la situazione di pareggio, penalizzato dal fatto di giocare in dieci. Il primo tempo si chiude con il Latina in avanti, solo Di Gennaro prova a dare la carica con un’azione in contropiede che viene fermata.

All’inizio della ripresa Di Gennaro ci riprova con una punizione dai venticinque metri respinta però da Farelli. La squadra di Praticò è scesa in campo con un altro spirito e prova a portarsi in vantaggio con Laverone e ancora Di Gennaro. Un’occasione da gol da parte dei biancorossi non viene per poco concretizzata al cinquantaseiesimo dopo un calcio di punizione del solito Di Gennaro che Brighenti non manda in porta per un soffio. Nel secondo tempo il Vicenza sembra non soffrire tanto la mancanza di un uomo come nei primi quarantacinque minuti e a tirare il fiato stavolta è il Latina. È Pettinari a mettere in difficoltà la difesa ma le prodezze di Vigorito mantengono la situazione di parità. Negli ultimi dieci minuti la squadra di Beretta si butta in avanti ma non riesce a sfruttare le occasioni. I biancorossi tirano fuori l’orgoglio e la grinta solo nei quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro con Laverone che crossa in area ma il tiro viene messo in calcio d’angolo, alla battuta va Cinelli ma la difesa avversaria respinge.

Il Latina non è riuscito a portare a casa tre punti sfruttando la superiorità numerica, merito anche di un super Vigorito e di un Vicenza che ha saputo difendersi degnamente mostrando uno spirito combattivo. I biancorossi stasera hanno dimostrato di saper stare in Serie B anche se c’è ancora tanto da migliorare. Oltre all’ottima prestazione di Vigorito bisogna segnalare la buona prestazione di Di Gennaro che ha portato quella qualità che voleva Lopez a centrocampo. Da segnalare la protesta degli ultras che per il primi quarantacinque minuti hanno lasciato la parte centrale delle curva libera esponendo lo striscione “senza parole” e non hanno incitato in alcun modo la squadra. Nel secondo tempo invece la curva si è riempita e i tifosi hanno iniziato a farsi sentire. Cori di protesta nei confronti di Cassingena. Proteste anche all’indirizzo dell’arbitro reo di non aver fischiato falli a favore dei biancorossi.

Vicenza 0 – Latina 0

VICENZA (3-5-2): Bremec (Vigorito); Brighenti, Camisa, Gentili; Laverone, Sbrissa, Di Gennaro (Alhassan), Cinelli, D’Elia; Cocco (Maritato), Spiridonovic. Allenatore: Praticò

LATINA (3-5-2): Farelli; Brosco, Cottafava (Petagna), Dellafiore; Angelo, Bruno, Crimi (Sbaffo), Valiani, Rossi; Paolucci, Pettinari (Sforzini). Allenatore: Beretta

Ammoniti: Gentili (V), Di Gennaro (V), Laverone (V), Cocco (V), Angelo (L), Dellafiore (L), Valiani (L), Rossi (L)

Espulsi: Bremec

Arbitro: Abbattista Eugenio di Molfetta

Monica Zoppelletto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button