Cronaca

Vicenza, carabinieri arrestano tunisino con una sfilza di precedenti

É un volto molto noto alle forze dell’ordine il tunisino arrestato dai carabinieri di Vicenza ieri mattina. Mohamed Mzoughi, 30 anni, in Italia senza fissa dimora, con precedenti, nullafacente e con i documenti per il permesso di soggiorno irregolari, ha una lunga lista di arresti avvenuti tra il 2008 e il 2014. L’ultima volta che è finito in manette è stata appunto ieri quando i militari, dopo aver perquisito un appartamento in cui l’uomo si trovava, lo hanno trovato in possesso di 40 grammi di eroina e millenovecentosettanta euro in contanti, proventi dell’attività di spaccio. Nell’abitazione sono stati trovati anche un bilancino di precisione, altro materiale idoneo a confezionare droga al minuto e tre telefoni cellulari e tre sim card intestate a persone inesistenti. Mzoughi si trova ora del carcere di Vicenza.

Mohamed Mzoughi
Mohamed Mzoughi

Il curriculum, se vogliamo chiamarlo così, del tunisino ha vari arresti per detenzione e spaccio di droga. Il primo arresto è avvenuto a Brescia nel 2008, dove l’uomo è stato colto in flagranza di reato mentre stava cedendo a terzi delle sostanze stupefacenti. L’anno dopo, sempre nella città lombarda e sempre per spaccio, un nuovo arresto. Anche a Vicenza Mzoughi era finito in manette, due volte. Nel primo caso era stato trovato con 125 grammi di eroina: condannato a un anno e tre mesi e a pagare una multa di 4 mila euro. Nella seconda occasione l’uomo aveva con sé 5,9 grammi di cocaina e venne condannato a un anno di reclusione e a pagare 3 mila euro di multa, pena sostituita dall’obbligo di firma. Il tunisino è anche indagato per l’accoltellamento di un suo connazionale al quale avrebbe pure rubato il cellulare. Il motivo, manco a dirlo, la droga. L’uomo ha poi riferito di aver agito così perché la vittima dell’aggressione si era impossessata di cento grammi di eroina e 4 mila euro in contanti, proventi dell’attività di spaccio della quale i due erano soci.

Nella notte del 9 giugno scorso Mzoughi è stato vittima di un accoltellamento ma agli inquirenti non ha fornito spiegazioni. Infine, il 13 agosto, mentre si trovava sottoposto all’obbligo di firma, è stato denunciato dalle volanti della polizia perché si era rifiutato di pagare le 18 birre consumate in un bar con degli amici.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button