Vicenzavicenzareport

Vicenza, 4500 gamelle ritirate dalle mense scolastiche

Drastica misura di prevenzione presa oggi dal Comune di Vicenza nell’ambito della ristorazione scolastica. La mamma di un bambino della prima elementare della scuola Da Porto aveva infatti notato il distacco di un pezzo di plastica colorata all’interno di una delle gamelle che gli scolari usano per il pranzo. Di qui la decisione di ritirare ben 4.500 di questi contenitori, nelle scuole elementari e in una scuola media della città. La decisione è stata presa dall’assessorato alla formazione del Comune di Vicenza.

Umberto Nicolai
Umberto Nicolai

“Dopo la segnalazione, – ha spiegato l’assessore, Umberto Nicolai, -abbiamo deciso in via precauzionale di intervenire ritirando le 4.500 gamelle di nuova produzione consegnate nei giorni scorsi alle scuole dalla ditta produttrice. Abbiamo inoltre già chiesto alla ditta di realizzare altrettante gamelle simili al modello consegnato lo scorso anno, quindi senza decorazioni applicate all’interno: la segnalazione della madre riguarda infatti proprio una di queste decorazioni di plastica dei nuovi modelli che si sarebbe distaccata”.

Domani l’assessorato alla formazione ha fissato un incontro con l’assessore Umberto Nicolai, la dirigente del Servizio igiene alimenti e Nutrizione dell’Ulss di Vicenza dottoressa Angiola Vanzo e i rappresentanti della ditta produttrice. E’ stata invitata a partecipare anche la mamma che ha segnalato il problema. “Potrebbe essere stato – ha sottolineato Nicolai – un difetto di produzione limitato a quel singolo contenitore. In ogni caso, oltre alle misure di prevenzione adottate con il ritiro delle gamelle, domani chiederemo un chiarimento all’azienda produttrice che dovrà darci precise garanzie”.

“L’uso delle gamelle del resto – ha concluso Nicolai – rientra in un progetto educativo che vuole sviluppare il rispetto per l’ambiente nelle nuove generazioni. Usare le gamelle consente di contenere il consumo di plastica e quindi di rifiuti, responsabilizzando i bambini. La fase sperimentale si è conclusa con successo l’anno scorso e quest’anno molte altre scuole si sono unite al progetto che intendiamo portare avanti con convinzione”.

Le oltre 4500 nuove gamelle sono state consegnate all’inizio dell’anno scolastico 2014-15 alle 177 classi  delle scuole Da Feltre, Lioy, Gonzati, Pertini, Tiepolo,  Da Porto, Giusti, Zanella, Riello, Pasini, Rodari, Pertile, Loschi, Carta, Arnaldi, Zecchetto, Giovanni XXIII, Colombo, Cabianca, Prati, Pajello, Laghi. Si vanno quindi ad aggiungere alle 750 gamelle delle 32 classi consegnate lo scorso anno alle scuole che per prime hanno aderito al progetto: scuola Colombo, Da Feltre, Laghi, Rodari,  Pajello, Pertile, Pertini,  Prati,  Zanella.

Articoli correlati

Un Commento

  1. Ma sbaglio o questa signora, che guarda caso ha un suo blog, cerca visibilita’?
    L’azienda in questione e’ 100% made in Italy, ha solo prodotti con BPA free. Non ha necessita’ di specificarlo sul prodotto semplicemente perche’ per legge tutti i prodotti in plastica per alimenti devono essere BPA free, quindi non e’ necessario che venga specificato. A meno di prodotti in policarbonato, ma non e’ questo il caso.

    Si tratta ovviamente di un singolo pezzo difettoso.
    Ma certo passare come l’eroina delle mamme e’ certamente piu’ piacevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button