Provinciavicenzareport

Schio, una nuova vita per il Teatro Civico

Dopo il recente recupero e restauro, non ancora completato, arriva anche il nuovo consiglio d’amministrazione per la Fondazione Teatro Civico di Schio. Nomi di spicco e affermati professionisti insieme con un unico obiettivo: rilanciare la storica struttura e farne un punto di riferimento culturale, non solo per la comunità scledense.

Il sindaco Valter Orsi
Il sindaco Valter Orsi

“L’obiettivo è proprio quello di spiccare il volo – dice il sindaco di Schio Valter Orsi – costruendo una struttura amministrativa in stile anglosassone, con la giusta sinergia tra pubblico e privato, per permettere ampia libertà e grande qualità. Di qui la scelta dei componenti di questo consiglio d’amministrazione, fatta proprio per raggiungere il giusto equilibrio tra soggetti operativi e creativi: visto il risultato, mi posso dire estremamente soddisfatto”

Il primo di questi soggetti è il nuovo presidente, Vittorio Mincato, esperto amministratore vicentino già ai vertici non solo di importanti aziende ed enti, come Eni o Confindustria, ma anche di grandi istituzioni culturali italiane, come il Teatro la Scala di Milano e l’Accademia di Santa Cecilia e Roma. Grande amante del teatro e della musica classica tedesca, tanto da concedersi per anni una poltrona fissa nel tempio della musica wagneriana a Bayreuth, commenta così il suo nuovo incarico da presidente della Fondazione: “Avevo dieci anni la prima volta che assistetti a qualcosa al Civico, si trattava della Tosca. È positivo il lavoro fatto finora, compresa la tracciatura del programma 2014-2015. Questo ci da tempo di lavorare con serenità: innanzitutto bisognerà nominare le altre figure fondamentali, dal direttore artistico al revisore dei conti; poi sarà necessario fare con il Comune la ricognizione delle risorse disponibili per completare il recupero del teatro, per esempio sistemando la platea ancora provvisoria; infine, si tratterà di costruire insieme il cartellone degli spettacoli 2015-2016”

Vittorio Mincato
Vittorio Mincato

Ad affiancare Mincato ci sarà fin da subito Lorenzo Zen, esperto di riproduzione acustica e di stereofonia, nonché collaboratore della rivista mensile Fedeltà del Suono: “io mi sento servo della musica – dice Lorenzo Zen – e negli anni ho imparato l’importanza di saper ascoltare. Anche questo sarà un lavoro di scoperta: bisognerà saper ascoltare questo luogo, per capire quello di cui ha bisogno”

Altri consiglieri già nominati saranno l’attrice scledense Magda Dellai e la formatrice teatrale e attrice Elisa Rampon, che si dice “orgogliosa della nomina ricevuta, e pronta a portare in dote il mio grande amore per il teatro e la cultura”

Per quanto riguarda la nuova linea artistica, è Mincato a rivelare le sue preferenze per il teatro di Schio: “Il Civico – dice il presidente – è nato come teatro di musica lirica, e io personalmente sono più legato alla musica e alla prosa. Negli ultimi anni si è puntato molto su spettacoli di intrattenimento: quello che sarà importante discutere in consiglio d’amministrazione è il modo di arrivare ad un giusto mix tra questo genere di rappresentazioni e quello, per così dire, più classico”

In attesa che il nuovo organigramma della Fondazione decida la strada da prendere e porti i suoi nuovi frutti, dal primo ottobre il teatro apre la sua campagna abbonamenti, per tutti quei spettacoli già in programma dall’autunno in poi.

Riccardo Carli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button