Provinciavicenzareport

Schio, per le borse di studio comunali si terrà più conto del merito

“Anche in tempi di bilanci magri non rinunciamo al nostro impegno per la scuola e gli studenti. Novità di quest’anno sarà il maggior peso che verrà  riconosciuto al merito”. E’ l’inizio di una nota del Comune di Schio nella quale si annuncia, cogliendo l’occasione dell’inizio ieri dell’anno scolastico, che le borse di studio verranno soprattutto assegnate per il merito scolastico dimostrato, ed un po’ meno per il basso reddito della famiglia dello studente.

“Sale al 50% – scrive il Comune – il peso raggiunto nel conteggio del punteggio totale dal merito. L’altro 50% terrà conto del reddito Isee. Fino allo scorso anno la proporzione era del 40% a favore del merito e del 60% per il reddito. Si è scelto di ridurre l’impatto del reddito a favore dell’impegno scolastico. Un segnale agli studenti per promuovere l’importanza e la cultura dell’impegno personale e dello studio per la vita futura”.

“L’importanza del merito – sottolinea a proposito di questa scelta Roberto Polga assessore ai servizi educativi – è legata alla capacità di mettersi in gioco e dimostrare volontà e impegno per raggiungere risultati evidenziabili. Essa va aiutata e stimolata, soprattutto nella fase di formazione dei nostri giovani, per cercare di eliminare quei limiti al libero sviluppo delle potenzialità di ciascuno come presupposto per una corretta crescita umana e professionale”.

Restano 20 le borse di studio comunali che verranno assegnate agli studenti più meritevoli per i risultati conseguiti nell’anno scolastico 2013/2014. Confermate 7 borse di studio del valore di 500 euro per gli studenti che stanno per iscriversi al primo anno di un corso di laurea, e 13 del  valore di 250 euro per gli iscritti al primo anno di una scuola secondaria di secondo grado. Complessivamente verranno distribuiti 6 mila 750 euro.

Per poter ricevere la borsa di studio bisogna innanzitutto essere residenti nel comune di Schio e aver dimostrato la propria dedizione e capacità nello studio conseguendo il diploma di scuola secondaria  di 1° grado, con un punteggio di almeno 8/10, o il diploma di scuola secondaria di 2° grado, con un voto minimo di 70/100. Alla bravura dello studente si applica però un criterio compensativo: la presentazione del modello Isee con un reddito familiare che non deve superare i 30 mila euro annui e non si deve essere già in possesso di ulteriori borse di studio.

L’assegnazione verrà effettuata in base alla graduatoria predisposta dal Servizio scuola, formazione e orientamento scolastico: a parità di punteggio avranno precedenza le domande che presentano il valore Isee più basso. La domanda dovrà essere presentata entro le ore 12.00 del 31 ottobre allo Sportello QuiCittadino del comune di Schio. Il modulo per la presentazione della domanda è in distribuzione presso gli uffici del Comune oppure può essere scaricato dal sito www.comune.schio.vi.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button