Sport

Real Vicenza, Marcolini: “Tre punti belli. I ragazzi sono stati bravissimi”

Il Real porta a casa ‘tre punti belli’, come li definisce mister Michele Marcolini, contro una squadra forte. Il tecnico biancorosso è soddisfatto dei suoi ragazzi ma avverte: “Non dobbiamo prenderci l’abitudine perché non sempre è facile ribaltare il risultato, però credo che ci sia solo da fare i complimenti alla mia squadra, i ragazzi hanno reagito benissimo sono stati bravi a raggiungere il pareggio subito, direi che la prestazione è stata molto positiva. Di fronte avevamo una buona squadra, anche nel primo tempo quando gli schemi erano speculari direi che siamo stati superiori quindi va dato merito ai miei ragazzi che hanno saputo vincere più duelli dei loro, nonostante poi siano riusciti a pareggiare di nuovo a inizio secondo tempo alla prima occasione”.

“La squadra  – continua Marcolini – non si è mai disunita, anzi ha trovato il 3 a 2 e potevamo fare ancora altri gol. Sono stato indeciso fino alla fine se far giocare Galuppini, ho tanti attaccanti bravi, sono contento che chi chiamo in causa faccia bene, oggi lui è stato bravissimo perché oltre a fare un grande gol ha fatto un grandissimo lavoro di aiuto a centrocampo transitando sempre nella zona di Obodo. Quello che abbiamo sbagliato domenica scorsa a Salò e che non dobbiamo sbagliare assolutamente è di calare di intensità, sono convinto che in questo campionato l’attaccare un po’ più avanti porti più vantaggi che chiudersi dietro perché permette ai centrocampisti di fare meno metri per inserirsi”.

Il mister analizza così il gioco visto oggi in campo: “Nel primo tempo Cristini e Caporali si sono aperti un sacco e hanno fatto si che i difensori dovessero aprirsi. Questa squadra lavora benissimo, con grandissima attenzione e voglia di applicarsi a fare quello che chiedo, sotto questo punto di vista sono tranquillo, so che l’atteggiamento e le qualità sono ottimi. Oggi hanno fatto tutti benissimo però credo che un ringraziamento debba andare soprattutto a chi sta fuori. Ho dei ragazzi che non hanno ancora fatto un minuto e ogni volta è brutto per me dover scegliere, ma tutti lavorano con grande applicazione e per me è il massimo”.

L’autore del terzo gol, definito quasi un capolavoro, Francesco Galuppini, commenta così la vittoria: “L’importante era portare a casa questi tre punti”. L’abbraccio a Marcolini lo spiega così: “E’ due anni che il mister mi vuole allenare, mi ha portato anche qui e probabilmente a lui devo qualcosa”.

Il tecnico dell’Alessandria, Luca D’Angelo, è invece amareggiato e deluso dalla prestazione dei suoi: “Eravamo partiti molto bene, il gol del pareggio ci ha abbattuti troppo. Nel secondo tempo abbiamo rimesso la gara a posto ma abbiamo subìto il gran gol del 3 a 2. Rimane il rammarico di essere partiti molto bene”. Ai grigi è stato annullato un gol, D’Angelo dice la sua: “Il gol di Valentini per me era regolare però abbiamo fatto tanti errori noi, ci sta anche quello dell’assistente e dell’arbitro”. È lo stesso allenatore a dire che la squadra è scesa in campo troppo sicura si sé: “Non siamo riusciti a concretizzare il fatto di avere molti uomini nell’area avversaria. Dobbiamo concentrarci sul fatto che stavamo mettendo in difficoltà gli avversari e abbiamo subìto il pareggio. La parte finale del primo tempo non l’abbiamo giocata bene. Ci siamo sentiti come se per noi fosse impossibile prendere gol e questo ci ha penalizzati”.

L’autore del primo gol dei piemontesi, Rantier, commenta così la sconfitta: “Mi dispiace perché eravamo riusciti a fare due gol fuori casa. È un peccato perché avevamo iniziato molto bene dopo il primo gol ma dopo il pareggio subìto abbiamo smesso di giocare, abbiamo dato coraggio agli avversari che sono riusciti ad andare in vantaggio. Loro si difendevano bene e ci hanno messo in difficoltà. Oggi pensavamo di poter vincere ma ci siamo dimenticati che il Real Vicenza è una grandissima che squadra che gioca molto bene con giocatori di valore. Quando abbiamo preso il primo gol ci siamo intimoriti e siamo rimasti piatti, abbiamo cercato di reagire ma non ce l’abbiamo fatta”.

Il portiere Nordi dice che non bisogna fare drammi perché questa è solo la seconda giornata ed è normale che certi meccanismi non vengano alla perfezione. Poi fa un appello ai tifosi: “Vorrei ringraziare i tifosi che sono venuti oggi però vorrei chiedere anche un piacere: di aiutarci per novanta minuti. Oggi non è stato cos,ì hanno iniziato a criticarci prima della fine della partita, dovrebbero farlo alla fine. Durante la gara noi abbiamo bisogno di loro, ci devono incitare, aiutare”.

Monica Zoppelletto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button